A causa dell’improvviso cambio repentino delle condizioni meteo marine, nel pomeriggio di martedì lungo le coste campane, numerose sono state le telefonate di soccorso al numero di emergenza 1530 e ai centralini delle Capitanerie di porto del territorio. Tutti gli interventi, coordinati dalla Sala Operativa del 4°Centro Secondario di Soccorso Marittimo di Napoli, si sono conclusi positivamente nell’arco di un paio d’ore.

In particolare si segnala quello effettuato da una motovedetta di Ischia in favore di 2 canoisti in difficoltà presso l’isolotto di S. Martino (Monte di Procida) e quello di una motovedetta di Napoli, sulle coste di Torre del Greco, in favore di tre 3 persone a bordo di una barca da diporto che a causa del forte vento urtava contro gli scogli. Gli uomini del corpo sono intervenuti anche lungo le coste del Cilento dove una escursionista si procurava una ferita ad un arto inferiore rimanendo bloccata a Cala Bianca (Marina di Camerota). Solo con l’immediato intervento via mare, effettuato  da una motovedetta della Guardia Costiera, ha permesso di poter recuperare e soccorrere l’infortunata affidata poi alle cure del 118 nel porto di Marina di Camerota.

A San Marco di Castellabate una motovedetta di Agropoli interveniva per prestare assistenza a due persone a bordo ad una unità in avaria e rimorchiarli fino in porto ad Agropoli.

Infine, anche a Capri, una motovedetta interveniva in zona Marina di Puolo (Massa Lubrense) per prestare soccorso ed assistenza fino al porticciolo ad un natante alla deriva, con due persone a bordo, causa avaria sistema di propulsione.