Imparare a scrivere in napoletano – Lezione 6

Come si è formata la lingua napoletana? 

Purtroppo non sappiamo chi furono i primi abitanti del nostro golfo.

Nelle varie cavità naturali sono state ritrovate ossa e frammenti di vasi che gli studiosi fanno risalire a popoli neolitici, ma ovviamente non sappiamo che lingua parlassero.

Intorno al IX-VIII secolo avanti Cristo, le nostre coste furono colonizzate da popolazioni provenienti da Rodi (Grecia), e quindi si parlò greco o un qualche suo dialetto.

Non a caso i vari nomi con cui fu chiamata la nostra città sono tutti greci:

Partenope (che significa Vergine)

Palepolis (che significa città vecchia)

e Neapolis (che significa città nuova).

Sin dal II sec. a. C. questi greci-napoletani convivevano con comunità ebraiche ed egiziane, ed avevano come vicini di casa i romani, gli osci, i sanniti e gli etruschi.

Pertanto… sarà sicuramente avvenuta una qualche contaminazione linguistica.

Dalla fine del I secolo d. C. il latino divenne la lingua ufficiale (scritta).

Dalla caduta dell’impero Romano (476 d. C.) ad ora la nostra amata città è stata “visitata” da tanti altri popoli: goti, bizantini, longobardi, saraceni, normanni, svevi, spagnoli, francesi, austriaci e, dall’indomani dell’Unità d’Italia, piemontesi, tedeschi e americani.

Ed ognuno – ovviamente – ci ha lasciato qualche parola, qualche suono, qualche espressione, ecc.

Se a ciò aggiungiamo che la cultura napoletana del ‘300 fu condizionata, dal punto di vista linguistico, dalla presenza dei fiorentini (sia a corte che nei commerci, con i letterati, i nobili e i banchieri) e che dal ‘500 in poi entrarono nel vocabolario napoletano tante parole e tante espressioni degli altri dialetti meridionali… possiamo meglio comprendere come si è formata l’odierna lingua napoletana.

Non tutti sanno, infatti, che dal 1500 in poi la popolazione napoletana aumentò a vista d’occhio, accogliendo persone provenienti da ogni parte del Regno (Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Abruzzo e Molise), le quali arricchirono con le loro parole il vocabolario partenopeo.

Il seguito… alla prossima puntata!

Enzo Carro

www.enzocarro.it

cantante, autore, saggista

Per le altre lezioni di Scrittura Napoletana clicca qui

video VI lezione – gli accenti