La Sindaca di Sant’Antonio AbateIlaria Abagnale, accogliendo favorevolmente la proposta di Michele Tarallo, Ambasciatore del progetto nazionale Costruiamo Gentilezza, ha attivato nel proprio Comune la delega alla gentilezza che ha tenuto per se. L’idea della delega alla gentilezza nasce dai bambini, di cui l’Associazione Cor et Amor si è fatta portavoce, proponendola così per la prima volta nel 2019, subito dopo le elezioni amministrative di maggio, ai sindaci dei comuni del Canavese TO. Gli Assessori alla Gentilezza, oggi sono 112 in tutta Italia ed aderiscono al progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza (www.costruiamogentilezza.org), patrocinato anche dal Garante Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza e del Coni Nazionale, che ha come obiettivo, attraverso la costruzione di pratiche di gentilezza, di contribuire ad accrescere il benessere delle comunità mettendo i bambini al centro e ponendosi al servizio delle istituzioni.

A questo proposito la sindaca Abagnale dichiara: ”Siamo ben consapevoli di quanto i bambini rappresentino il nostro futuro. Se i nostri figli si sentono felici, di conseguenza lo saranno anche le famiglie. Il benessere della tenera età va salvaguardato in ogni istante. La nostra progettualità mette al centro i bambini e li coinvolge ogni qualvolta ci viene posta all’attenzione una possibilità. –conclude – Come dichiarai “il paese è dei bambini” e la nostra presenza è decisiva ai fini della costruzione di una futura società ideale, dove la gentilezza possa essere sempre rivolta verso il prossimo, chiunque esso sia.“ Dello stesso parere è l’Ambasciatore di Costruiamo Gentilezza di Sant’Antonio Abate, Michele Tarallo, che aggiunge: ”Ho sempre avvertito in me il desiderio di un mondo più solidale e, secondo il mio parere, lo si può realizzare solo attraverso la gentilezza.”