Si celebrerà il 9 febbraio la ‘Giornata mondiale della lingua greca’

Fin dal 2014, ogni febbraio si celebra a Napoli la Giornata mondiale della lingua greca, che si propone di divulgare nel mondo la lingua e la cultura ellenica, e di tenerne viva l’importanza che tutt’oggi rivestono. L’evento, nato da un’idea del prof. Joannis Korinthios, di cui trovate l’intervista rilasciata a Napoliflash24 in occasione delle celebrazioni nel 2018 a questo link “Giornata Mondiale della Lingua Greca”. Un successo che parte da Napoli – Napoliflash24 – Giornale di informazione su Napoli e Campania, vede la partecipazione di numerosi licei della Campania, della Grecia e di altri Paesi europei e non. Grazie al patrocinio del Comune di Napoli, negli anni precedenti il tutto si è svolto prevalentemente nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino che, oltre ad ospitare studenti e relatori, ha visto sempre la presenza delle autorità comunali e delle istituzioni greche. Quest’anno, non potendo organizzare l’evento come di consueto a causa dell’emergenza Covid, il tutto si svolgerà via web. Il 9 febbraio, dalle ore 11 sarà possibile seguire la classica maratona a cui parteciperanno i numerosissimi licei classici e la scuola della Comunità Ellenica, sulla pagina Facebook e sul canale youtube della Giornata Mondiale della Lingua e della Cultura Greca. Il tema di quest’anno, dato che ricorrono i 200 anni dall’insurrezione che portò la Grecia a liberarsi dal dominio ottomano dopo ben 400 anni, non poteva che essere il Risorgimento greco. È questo l’oggetto anche della mostra parallela, che sarà inaugurata contemporaneamente a Napoli, Atene e Nicosia il 15 marzo, e che collega la città partenopea e il Risorgimento greco. La mostra, organizzata in collaborazione con gli Archivi Generali della Grecia, prevede un tour virtuale che vi porterà all’Archivio di Stato di Napoli. Quest’anno, tra le personalità istituzionali, parteciperanno l’ambasciatore della Grecia a Roma dr. Teodoro Passas e il segretario generale del Ministero degli esteri della Grecia prof. Ioannis Chrysoulakis. Anche in questa edizione ci sarà il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, affiancato dall’assessore comunale alla cultura Eleonora de Majo per i saluti istituzionali, a cui si aggiungeranno il direttore del MANN Paolo Giulierini e il presidente della Società Filellenica Italiana prof. Marco Galdi. Si potrà partecipare ad una breve lectio sull’utilità degli studi classici che terrà l’accademico Nuccio Ordine, professore ordinario di letteratura italiana presso l’Università della Calabria, uno dei massimi studiosi del Rinascimento e di Giordano Bruno. Inoltre ci sarà un intervento sulla specificità del Salento, del prof. Salvatore Tommasi, grande studioso del griko, il greco che ancora oggi si parla a Calimera, in provincia di Lecce.