Bomber, veloce, grintoso e furbo: è tornato finalmente il Dries Mertens che tutti conosciamo. Prova ottima del belga e di tutto il reparto offensivo azzurro che si dimostra ancora una volta tra i migliori d’Italia, al pari della Juventus.
L’undici di Benitez, con questa quarta vittoria consecutiva in campionato è la migliore squadra del 2015. Anche contro un’ottima Udinese e soffrendo per metà primo tempo, gli azzurri sono riusciti a mantenere la calma e la concentrazione per chiudere il match. Dopo lo straordinario gol di Gabbiadini è infatti arrivato il personale show di Thereau che accorcia e poi richiude il match con un autogol al 59′ della ripresa.
C’è grande voglia di secondo posto in casa Napoli e anche le parole di Capitan Hamsik(autore di una buona gara) e di Benitez a fine gara, fanno ben sperare nell’unità del gruppo per arrivare a centrare l’ambito obiettivo. Con i recuperi nei prossimi mesi di Insigne e Zuniga(marzo), sarà come riaprire una mini finestra di mercato e reinserire nel gruppo due pedine fondamentali per lottare su tre fronti.
È sicuramente enorme, il merito, proprio da parte del tecnico spagnolo, di questa rivoluzione azzurra: Inizia a funzionare il turnover, le scelte tattiche si sono rivelate azzeccate(De Guzman come ago della bilancia tra i reparti), l’affiatamento è ai massimi livelli e chi entra in campo da sempre il massimo e i campioni(vedi Higuain), sembrano non accontentarsi mai, con un enorme fame di vittorie e voglia di fare sempre meglio, che speriamo duri da qui alla fine della stagione.
Tra le note negative, l’uscita incerta di Rafael, sul gol del momentaneo 2 a 1, che macchia una buona prestazione del brasiliano. Pesante è sicuramente anche l’errore di Britos che lascia troppo campo a Thereau. Per l’ex portiere del Santos però, il consiglio è quello di comunicare maggiormente con i compagni e cercare di stabilire un rapporto di fiducia con i centrali(cosa che abbiamo visto fare sempre ad Andujar). Non buona anche la prova di Inler che soprattutto nel primo tempo, fa rimpiangere David Lopez, con numerosi passaggi sbagliati e poca copertura.
Ora, senza match infrasettimanali, gli azzurri possono concentrarsi sulla trasferta di sabato prossimo in Sicilia, contro l’ottimo Palermo di Iachini, per quella che si presenta come la gara più difficile del mese.
NAPOLI-UDINESE 3-1
NAPOLI
Rafael, Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam, Gargano, Inler, Mertens, Hamsik, Gabbiadini, Higuain. All.Benitez
UDINESE
Karnezis, Heurtaux, Danilo, Piris, Widmer, Allan, Guilherme, Hallberg, Pasquale, Fernandes, Thereau. All.Stramaccioni
GOL: Mertens 7’pt., Gabbiadini 21’pt.(N), Thereau 27’pt., Thereau aut. 59’st.(U)

A proposito dell'autore

Fabio Ferraro

Giornalista pubblicista dal 2014, grande amante di calcio, sport in generale, musica e storia contemporanea, collabora con Napoliflash24 dalla sua fondazione(2013). Curatore dal 2013 delle Rubriche "Largo ai giovani" e "Mondo Ultras" su ilnapolionline.com. In passato ha collaborato con il magazine "Thetripmag.com", il blog "letteraturateatrale.it", il portale "Forumitalia" e inoltre ha ricoperto nel corso del biennio 2013/2014, il ruolo di addetto stampa dell'ASD Partenope Soccer.

Post correlati