Mattarella a Napoli sabato 13 aprile: prima la visita ufficiale al museo di Capodimonte, poi quella privata, nel cuore del rione Sanità.

Sarà un sabato tutto napoletano per il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato arriva domani alle 9,30 alla pinacoteca, accompagnato dal presidente della Camera Roberto Fico – entrambi ovviamente accolti dal direttore Bellenger – e tutti e due si caleranno, subito dopo, nei vicoli tra il rione Vergini e la Basilica di Santa Maria alla Sanità.

Dopo la visita al Caravaggio, Mattarella e Fico si fermeranno prima al Palazzo dello Spagnuolo,  Subito dopo, faranno tappa nella chiesa dove li attende padre Antonio Loffredo e tantissimi operatori del terzo settore. Sosta dinanzi alla statua di Genny Cesarano – monito per tutti i giovanissimi caduti da innocenti sulle nostre strade – poi, nella basilica Mattarella si fermerà con l’orchestra Sanitansamble, e in sagrestia, presso il ring dove i ragazzi del rione fanno palestra di boxe con gli istruttori Fiamme Oro della polizia. Nel chiostro, un rapido incontro con associazioni, con laici e religiosi – padre Giuseppe Rinaldi, Alex Zanotelli, Arcadio Sicher – che si occupano di sociale, bambini, anziani, disabili.  “Una visita rigorosamente privata”, sottolineano dal Quirinale. Significa che Mattarella non terrà discorsi, ma ascolterà. La visita nasce da una lettera che don Loffredo aveva scritto al presidente, sulla spinta peraltro delle iniziative portate avanti con Ernesto Albanese della onlus l’Altra Napoli.