Dopo l’esaltante e roboante vittoria di domenica sera contro la Roma il Napoli scende in campo per chiudere il discorso qualificazione nel girone F di Europa League; gli azzurri guidano il gruppo con 9 punti mentre gli olandesi dell’AZ Alkmaar (avversari di stasera) e la Real Sociedad seguono a quota 7. In pratica una vittoria stasera significherebbe chiudere i giochi e raggiungere un primo obiettivo minimo, il passaggio al turno successivo.

L’ AZ, squadra nettamente inferiore ai partenopei, non è da sottovalutare però, nessuno può dimenticare il clamoroso blitz al San Paolo nella prima giornata quando gli olandesi privi di tanti giocatori vinsero 1-0 ed incartarono la formazione di Gattuso che non riuscì mai a calciare in porta. Anche in quella occasione la gara fu preceduta da una super prestazione in campionato (altro poker contro l’Atalanta) e quindi l’attenzione deve essere massima ed il match richiede un impatto all’altezza.

La rosa ampia e competitiva permette al tecnico di fare un po’ di rotazioni senza inficiare l’equilibrio della squadra: scontato il ritorno di Ospina in porta mentre in difesa ci sarà spazio come sempre per Maksimovic ma anche per Ghoulam (l’algerino finalmente giovedì scorso sempre in Europa è stato impiegato per tutto il match!). Proprio per quanto concerne l’utilizzo del serbo, un’idea non da scartare sarebbe quella di proporlo sulla corsia di destra in luogo di un Di Lorenzo che non avendo nessuna alternativa di rincalzo (Hysaj con il Covid e Malcuit fuori dai piani e dalla lista) è costretto a giocare sempre. In mezzo al campo si rivede Bakayoko (che domenica ha scontato il turno di squalifica) ed anche se tutti danno per scontata la presenza di Fabian Ruiz al suo fianco, crediamo che invece possa esserci una soluzione differente; ovvero l’utilizzo di Lobotka o l’arretramento di Zielinski (il polacco verosimilmente giocherà perché ha bisogno di riprendere in fretta il top della forma). Lo schieramento offensivo dovrebbe essere composto con il vertice alto rappresentato ancora da Dries Mertens (Osimhen è ancora out per l’infortunio alla spalla) con Insigne e Politano (e non Lozano) ai lati. Se Zielinski dovesse occupare una posizione più arretrata ecco ad agire da sottopunta, o comunque da anello di congiunzione tra centrocampo ed attacco, il macedone Elmas.

Si gioca alle 21 all’Az Stadion, arbitro il francese Ruddy Buquet.