Sarà il Bologna di Mihajlovic l’avversario del Napoli per la sfida valevole per la settima giornata di campionato; gli azzurri sono intenzionati a riscattare la brutta sconfitta interna arrivata domenica scorsa in casa contro il Sassuolo mentre i felsinei sono reduci dalla vittoria (3-2) contro il Cagliari di sabato sera al Dall’Ara.

Sinisa deve fare i conti con numerose assenze ma questa è una cosa che contro il Napoli sembra portare bene… Scherzi a parte il Bologna non ha particolari possibilità di scelta soprattutto tra difesa e centrocampo: nelle ultime ore Skov Olsen è stato sottoposto ad un un intervento di vertebroplastica e si aggiunto alla già lunga lista di indisponibili. Ci saranno però tutti gli uomini di spicco del settore avanzato; Soriano, Orsolini, Palacio e Barrow sono gli uomini più temuti e quelli a cui il Napoli farà bene a tenere particolarmente d’occhio.

Prevista invece un’ennesima rivoluzione da parte di Gattuso dopo quella di giovedì scorso a Fiume per l’Europa League; in porta torna Ospina così come Manolas che comporrà con Koulibaly la coppia centrale difensiva. C’è ballottaggio sulle fasce laterali dove potrebbe spuntare la clamorosa candidatura di Ghoulam sulla sinistra; l’algerino non gioca dal primo minuto da tempo immemore ma lo spezzone in Croazia pare aver fatto intravedere lampi di vecchio Faouzi. Più che altro ce lo auguriamo. A centrocampo spazio alla collaudata coppia Fabian Ruiz – Bakayoko, in avanti alle spalle di Victor Osimhen il tridente dovrebbe essere composto da Insigne a sinistra, Lozano a destra e Mertens tra le linee, ruolo che però potrebbe tranquillamente occupare l’ormai pienamente ristabilito Piotr Zielinski.

Il Napoli dovrà cambiare assolutamente registro dopo le prove incolori contro Sassuolo e Rijeka; se in Europa gli azzurri sono riusciti a trovare il bandolo della matassa e ribaltare una situazione iniziale di svantaggio, in campionato contro i neroverdi è arrivata la prima sconfitta che ha fatto perdere certezze ed entusiasmo in un ambiente, quello partenopeo, troppo spesso facile ad entusiasmi così come ad una depressione talvolta anche ingiustificata. Al Dall’Ara il Bologna ha preso le misure nelle ultime stagioni dopo qualche scoppola indimenticabile (spicca un 1-7 del febbraio 2017); il Napoli però ha bisogno di riprendere la marcia e tentare di trovare la vetta della classifica nel giro di poche settimane. Le potenzialità ci sono e vale la pena tentarci. A partire dal capoluogo emiliano, oggi alle 18; arbitra il signor Pasqua di Tivoli.