Un Napoli mediocre, senza idee e soprattutto assolutamente privo di mentalità vincente fallisce una gigantesca opportunità di rilanciarsi nelle parti nobili della classifica e perde malamente a Verona. I ragazzi di Juric prendono gol dopo 10 secondi di gioco ma dopo un momento di smarrimento riprendono le misure e senza neanche strafare più di tanto riescono a trovare il pareggio grazie ad un inserimento di Di Marco che riscatta l’indecisione sul vantaggio iniziale di Lozano. Il primo tempo termina in parità e gli azzurri nella ripresa invece di ingranare le marce alte subiscono la maggiore reattività di un volenteroso e battagliero Verona; gli scaligeri bucano la difesa partenopea prima con Barak (migliore in campo) e poi con Zaccagni. Per il Napoli e per Gattuso è notte fonda!

MERET 5: chissà se tra qualche tempo potrà riproporre quelle caratteristiche che hanno portato tanti addetti ai lavori a metterlo sui livelli di Donnarumma il quale è attualmente di un altro pianeta. Non è mai padrone dell’area di rigore, di miracoli neanche a parlarne e, se vogliamo, uno dei suoi lanci nel nulla azionano il gol del pareggio scaligero.

DI LORENZO 5: nella prima frazione tiene abbastanza bene grazie ad una applicazione costante in fase difensiva. Perde col passare dei minuti molti colpi ed anche i due gol del Verona nella ripresa arrivano dalla sua parte. Si macchia pure di un giallo.

MAKSIMOVIC 4,5: prende due botte ad inizio gara ma sembra cavarsela grazie ad una buona concentrazione. Ma è soltanto pura illusione, il serbo prima regala il pallone a Zaccagni che per poco non fa l’assist per il pareggio, poi inizia a fare acqua da tutte le parti e la difesa inizia a ballare. Ma è giusto schierare un calciatore che non appare più in sintonia con questi colori?

KOULIBALY 5,5: il suo cuore, la sua grande voglia di non arrendersi mai copre soltanto parzialmente una gara fatta di tante imprecisioni e movimenti che favoriscono gli affondi degli avversari. E se balla pure lui…

HYSAJ 5: nei match dove più volte è chiamato a trattare il pallone palese si evidenzia la sua carenza sul piano squisitamente tecnico. Mai un’iniziativa personale, mai un cross, esclusivamente appoggi al compagno più vicino come al primo giorno di scuola calcio.

DEMME 6: pronti via, lancia in area per Lozano che favorito da un liscio di Di Marco fa 1-0 Napoli. Sembra iniziare un pomeriggio di gioia per il popolo partenopeo che invece deve fare i conti con una squadra che pian piano offre il fianco agli avversari in maniera deprimente e Diego, lì in mezzo al campo, seppur non sciorinando una delle sue migliori prestazioni, cerca in tutti i modi di non far prendere il sopravvento ai dirimpettai. Addirittura rischia di fare il raddoppio con un destro ravvicinato dopo una palla sbucata da rimessa laterale (bravo Silvestri). Purtroppo è poco aiutato e finisce con l’alzare bandiera bianca. Esce forse perché gravato da un giallo per POLITANO 5,5 il quale prova a dare vivacità ad una squadra smarrita, senza idee e sulle gambe. Sballottato da un lato all’altro del campo finisce per fare confusione anche lui.

BAKAYOKO 5: statuario al centro del campo nel vero senso della parola, mette il fisico ma non un briciolo di tecnica o di geometrie. Sovrastato dal centrocampo scaligero che fa un figurone neanche fosse il Bayern Monaco, ripete la pessima prestazione di mercoledì. Nel finale viene sostituito da LOBOTKA S.V.

ZIELINSKI 5: parte che sembra voglia vincerla da solo e fare un boccone di questo Verona. In realtà anche perché scarsamente supportato dai compagni di squadra si immalinconisce e finisce anche lui per risultare un disastro. Al suo posto entra ELMAS S.V.

INSIGNE 4,5: troppo condizionato dalla prestazione con tanto di rigore sbagliato in Supercoppa entra con l’intenzione di lasciare il segno. Ed il segno lo lascia in maniera profondamente negativa: mai un dribbling, mai una buona trama, mai un cross o un lancio che sia uno, calcia pure un tiro da quarta categoria. Avvilente. MERTENS 4 che dovrebbe dare la scossa ed invece è quello che praticamente regala il gioco, le ripartenze e anche il terzo gol al Verona. Non è al meglio e nel ruolo di sotto-punta è un abominio!

PETAGNA 4,5: il simbolo dell’inutilità e della depressione offensiva del Napoli. Mai al tiro, prova ad abbassarsi per fare qualche sponda su gioco aereo consegnando puntualmente il pallone agli avversari. Si accende una sola volta, 10 secondi prima di essere sostituito… Al suo posto OSIMHEN 4 che riesce a fare addirittura peggio del suo predecessore!

LOZANO 5,5: direte ma almeno lui segna il gol, e questo non si discute. Ma nell’uno contro uno con un Di Marco assolutamente incapace di giocare in quel ruolo di difensore marcatore sbaglia completamente tutte le scelte e tanti appoggi. Tanta volontà, tanta corsa ma tecnicamente una giornata da dimenticare.

GATTUSO 3: alzi la mano chi non gli voglia bene o provi affetto e simpatia verso questa splendida persona del Sud… Gennaro però ancora una volta non ci convince ed è diventato assolutamente impossibile trovare scusanti, attenuanti o giustificazioni verso uno spettacolo davvero indegno perpetrato dalla sua creatura. Una grande squadra che trova il gol casuale dopo appena 10 secondi nella stragrande maggioranza delle volte ti sbrana e fa un boccone dell’avversario che già in partenza ti è inferiore. Ed invece il Napoli galleggia attraverso uno sterile ed involuto possesso palla, non ha il briciolo di un’idea o trame di gioco che possano essere chiamate tali. Non ha identità di gioco, non una personalità spiccata e non sa mai quello che deve fare, mai una alternativa di gioco. Mette Maksimovic al quale pareva già aver dato una sorta di benservito ed anche con le sostituzioni combina il solito macello proponendo un Mertens (sul quale già ad inizio stagione avevamo sollevato perplessità nel ruolo di sotto-punta) in una posizione delicata quando il belga è neanche al 60% della condizione. Manda in tilt Politano e Lozano che non sanno più da quale lato andare. Gli auguriamo il meglio dalla vita e dalla propria carriera. Ma è lontano ancora da poter guidare una fuoriserie!

A proposito dell'autore

Post correlati