Il Ministero della Sanità  ha escluso l’ospedale Pascale di Napoli, parte dell’Istituto nazionale tumori e centro d’eccellenza nella cura delle malattie oncologiche, dal finanziamento di 5 milioni dedicato agli istituti di ricerca italiani per lo sviluppo dell’Immunoterapia sperimentale delle CAR-T, la nuova frontiera dell’immunoterapia dei tumori.

A tale proposito, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha scritto un comunicato: “In relazione al decreto del ministero della Salute dell’11 marzo 2019, che finanzia con 5 milioni di euro gli istituti di ricerca italiani (IRCCS) per lo sviluppo dell’Immunoterapia sperimentale delle CAR-T (la nuova frontiera dell’immunoterapia dei tumori). Apprendiamo con stupore l’esclusione di una delle principali e più importanti istituzioni scientifiche, come il Pascale di Napoli. Ci auguriamo che la decisione sia frutto di una disattenzione” – scrive De Luca – “Facciamo appello dunque al Ministero perché l’Istituto Pascale sia ricompreso nella ripartizione dei fondi. Riconfermiamo l’impegno della Regione Campania per la ricerca, e in particolare quella oncologica, che vede il Pascale tra le istituzioni scientifiche d’eccellenza in Italia e nel mondo”. Conclude nella nota il presidente della Regione