Si apre martedì 10 e prosegue mercoledì 11 la quattordicesima edizione del Laboratorio di Teatro Cinese dell’Università “L’Orientale”, caso unico di successo in Italia come sperimentazione di glottodidattica. La rappresentazione propone un importante testo della drammaturgia cinese contemporanea del direttore del Teatro di Shangai. Il successo di questa iniziativa è importante in una citta come Napoli, da sempre a forte tradizione orientalistica, il laboratorio si propone anche di favorire l’integrazione della comunità cinese nel territorio. Con l’insegnamento della lingua, è possibile   comprendere i problemi della società cinese contemporanea, la sua cultura e i suoi continui cambiamenti. Ventitré studenti interpretano il testo in italiano e in cinese. In sala la comunità del Paese asiatico. Lo spettacolo è sponsorizzato dall’Istituto Confucio

 Ventitré studenti del Corso di lingua e letteratura cinese dell’Orientale, reciteranno alternando l’italiano e il cinese. I ragazzi hanno lavorato anche stavolta con alcuni professionisti dello spettacolo: la regia e l’adattamento sono di Lorenzo Montanini, le scenografie di Francesco Felaco, i costumi di Federica Centore. Saranno presenti in sala la comunità cinese di Napoli e gli studenti del Paese asiatico che seguono i corsi di italiano all’Orientale.

Yu Rongjun è dal 1991 un autore affermato con oltre trenta commedie e numerose sceneggiature cinematografiche, televisive e radiofoniche, ed è inoltre direttore artistico del Teatro delle Arti Drammatiche di Shanghai, che sotto la sua egida è divenuto fulcro della vita artistica della metropoli.

“Il gusto salato del cappuccino” è stata scritta nel 2001 ed è stata rappresentata per sei anni consecutivi in Cina. Nel 2008 è stata messa in scena all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Articolata in tre atti, l’opera riflette sulla crisi matrimoniale delle coppie di mezza età. Tradimenti, tragedie private, incapacità di comunicare e occasioni mancate sono raccontate attraverso un flusso di coscienza che ruota attorno all’opposizione: uomo e donna, yin e yang, caffè e latte, amaro e dolce che lasciano un gusto salato, quello della vita.

Martedì 10 e mercoledì 11 aprile 2018 alle ore 21

Teatro Galleria Toledo – via Concezione a Montecalvario, 34 (Napoli)

Il gusto salato del cappuccino

di Yu Rongjun

(rappresentazione in italiano e in cinese)

A cura del Laboratorio di Teatro Cinese, Corso di Lingua e letteratura cinese della professoressa Maria Cristina Pisciotta, Università degli studi “L’Orientale” di Napoli

Prodotto dall’Istituto Confucio

Regia: Lorenzo Montanini

Scenografia: Francesco Felaco

Costumi: Federica Centore

Organizzazione: Simona Brunitto

Ingresso libero

INFO: www.lacinainscena.altervista.org