A Palazzo San Giacomo, alla presenza dell’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice e dell’assessore all’Urbanistica Carmine Piscopo è stato presentato il progetto CLARITY-INTEGRATED CLIMATE ADAPTATION SERVICE TOOLS FOR IMPROVING RESILIENCE MEASURE EFFICIENCY (servizi integrati per l’adattamento climatico al fine di migliorare l’efficacia delle misure di resilienza urbana), promosso da diversi istituti di ricerca, università e istituzioni, tra cui il Comune di Napoli, nell’ambito del Programma quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione Horizon 2020. Quest’ultimo è un programma di finanziamento creato dalla Commissione europea per incentivare le attività dello spazio europeo per la ricerca (ERA), il sistema di programmi di ricerca scientifica dell’UE, tra il 2014 ed il 2020. Lo scopo del progetto Clarity è contribuire alla realizzazione di strumenti di pianificazione strategica per l’ambiente e l’urbanistica; i tecnici del Comune di Napoli collaborano all’iniziativa dal 2017 e i risultati della ricerca si stanno riflettendo sull’organizzazione del piano strategico, del piano regolatore e dei piani di quartiere per garantire una maggiore resilienza della città all’impatto del cambiamento climatico. Come ricorda Giulio Zuccaro infatti, dall’Università di Napoli Federico II e responobile scientifico del progetto, le inondazioni, le ondate di calore e, conseguentemente, il tasso di mortalità nei periodi dell’anno maggiormente soggetti a questi fenomeni sono in aumento. Zuccaro si mostra inoltre entusiasta della possibilità di influenzare le decisioni delle autorità con i risultati della ricerca, dai quali dipenderanno le misure da adottare nei piani urbanistici comunali.