La salute dall’orto alla tavola con i primi “fiori” di stagione 

Le diverse modalità di preparazione, dal crudo alla cottura ne determinano il fine… mettiti alla prova!

L’Asparago

Disponibili da marzo a giugno sono tipicamente primaverili. Contengono fosforo e vitamina B che contrastano lo stato di debolezza e spossatezza.
Possiedono manganese vit A che ha un effetto benefico sui legamenti, reni e pelle. Sono poveri di sodio e ricchi di ritina, utile per rinforzare la parete dei capillari, ma anche da calcio, utile per le ossa, magnesio, potassio, prezioso per il cuore e per i muscoli, acido folico e asparagina, uno degli aminoacidi che serve alla fabbricazione di numerose sostanze proteiche, e dunque per la trasformazione dello zucchero. Questa, particolarmente abbondante nelle piante giovani, conferisce un odore nausebondo alle urine.

Gli asparagi possono essere sfruttati per il loro potere energetico in pasti che hanno come finalità la perdita di peso in previsione della prova costume, alcuni esempi di pasti dalla presentazione dal crudo al cotto possono essere:

– un piatto di straccetti di vitella in padella, una insalata valeriana con punte di asparagi fresche affettate sottilmente e un piatto di cicoria ripassata, pasto che agevolerà la diuresi.                                                                  – del pesce lessato e condito con un’ emulsione di olio limone ed erbe aromatiche, come timo, erba cipollina, prezzemolo… un piatto di asparagi lessati e conditi con olio e limone e del melone sarà in grado di contrastare una ritenzione di liquidi.                                                                                              – uova in camicia con 10 asparagi lessati e conditi con olio limone e zenzero e yogurt con le fragole, sarà un pasto che stimolerà il metabolismo.

Di Patrizia Pellegrini Naturopata

Bioterapia Nutrizionale®

➡Per INFO , domande e curiosità potete contattare la naturopata:

☎ 3339995532
💌mail.patriziapellegrini@gmail.com
🌐 www.patriziapellegrini.com