La salute dall’orto alla tavola con i primi “fiori” di stagione 

Le diverse modalità di preparazione, dal crudo alla cottura ne determinano il fine… mettiti alla prova!

Il fiore di zucca

La loro prima fioritura inizia in primavera, quando la stagione risboccia e l’energia della natura esprima la sua massima esplosione, ricco di elementi nutrizionali, elevato contenuto di vitamina A e vitamina C oltre ad oligoelementi e micro nutrienti come lo zinco e il selenio. I fiori di zucca, per il loro contenuto di ferro, calcio, iodio, vitamina  A e C, stimolano tutti i metabolismi organici, senza disturbare l’organismo.

Se pensiamo al fiore di zucca in cucina il primo pensiero va al fiore di zucca in pastella …non sentite già il profumo?

Sapevate che possono sostenere l’organismo con funzione diversa a secondo dell’associazione del pasto?

– consideriamo subito ciò che stuzzica di più la curiosità di chi legge rispetto alla diminuzione di peso, ebbene si… fiori di zucca in pastella una ricca insalata verde e dell’ananas, può essere un pasto che stimolando la funzione del fegato, sostenuto dalla presenza del carboidrato quale farina e un frutto ricco di acqua e zuccheri.

– ma anche nella donna in menopausa possiamo fruttare le virtù del fiore di zucca in pastella se li riempiamo di mozzarella e alici, per lo stimolo e l’apporto di calcio del formaggio e del pesce azzurro, completando l’associazione con un finocchio in pinzimonio e dell’ananas, capaci di contrastare l’eccesso di sali e la conseguente inibizione.

Di Patrizia Pellegrini Naturopata

Bioterapia Nutrizionale®

➡Per INFO , domande e curiosità potete contattare la naturopata:

☎ 3339995532
💌mail.patriziapellegrini@gmail.com
🌐 www.patriziapellegrini.com