L’illuminazione di un negozio è un aspetto che non può essere sottovalutato quando si pensa a come incrementare le vendite e attirare i clienti: la luce è a tutti gli effetti uno strumento di business prezioso e importante, in grado di migliorare in misura consistente le diverse esperienze di acquisto. Il primo consiglio da tenere a mente è quello di concepire un progetto su misura, personalizzato in funzione dello stile del negozio e dell’atmosfera che si intende ricreare al suo interno.

Guida alla scelta

La varietà di opzioni a disposizione in commercio è tale da consentire di soddisfare ogni esigenza: anche con l’aiuto di un professionista della luce è facile individuare le proposte di cui si ha bisogno, partendo dal presupposto che le fluorescenze e le lampade alogene devono essere considerate ormai delle tecnologie obsolete, così come superati sono gli ioduri metallici. Conviene, invece, puntare sul led, anche per i benefici che esso garantisce dal punto di vista del risparmio energetico. Non solo: al giorno d’oggi i led costituiscono i corpi lampada che offrono la resa luminosa più performante che si possa auspicare, anche sotto il profilo del comfort visivo, e di conseguenza sono perfetti per catturare l’attenzione dei passanti e fare in modo che essi divengano dei potenziali clienti.

I pannelli led

Il Pannello led è fondamentale per illuminare un negozio in modo soddisfacente, dal momento che garantisce tutta la luminosità di cui si ha bisogno senza che i lavoratori o i clienti siano abbagliati. L’uniformità della luce è il più significativo punto di forza di questa soluzione, ed è assicurata dalla presenza di strisce led lineari che sono installate su tutti e 4 i lati del pannello o soltanto su 2. Le strisce led, invece, sono collocate su profili in alluminio che vengono impiegati in qualità di dissipatori. Ciò fa sì che il pannello possa durare a lungo nel tempo e offrire sempre una luce omogenea e potente.

Le vetrine interne

Per quel che concerne le vetrine interne, il livello di illuminazione non deve mai essere ridotto, perché i clienti hanno bisogno di osservare e di esaminare con attenzione gli articoli che sono interessati ad acquistare. D’altro canto, la luce deve essere perfetta anche nelle zone comuni, perché non è detto che le persone non si spostino con gli articoli in mano e si allontanino dalle vetrine. In fase di progettazione, è utile identificare quelle che potrebbero essere le aree di visione della merce, così da assicurare una resa cromatica impeccabile.

… e le vetrine esterne

Le vetrine esterne, a loro volta, devono essere il più possibile caratterizzate: in altri termini è da escludere un’illuminazione generale, ma è opportuno cercare di valorizzare i dettagli. Ogni aspetto dell’illuminazione ha un grande valore che va al di là dell’aspetto pratico ma chiama in causa anche il potere comunicativo, quasi come se il negozio fosse il palcoscenico di un teatro: tutti i clienti devono essere supportati nelle proprie decisioni e agevolati nelle proprie scelte di acquisto.

L’ingresso del negozio

Uno degli aspetti decisivi nell’esperienza di un cliente in un negozio è il suo ingresso: questo spazio merita di essere messo in risalto perché è un vero e proprio biglietto da visita. Si pensi alla cattiva impressione che può destare un’entrata che appare quasi buia: di certo non predispone in maniera positiva chi accede al negozio. Con i led non si corre il rischio di avere a che fare con bollette eccessive pur scegliendo l’intensità luminosa che si preferisce. L’illuminazione va studiata con cura perché aiuta a far capire ai clienti non solo che cosa si sta vendendo, ma anche chi lo sta vendendo e come lo sta vendendo. Quel che differenzia i punti vendita fisici rispetto agli e-commerce, in epoca moderna, è proprio l’esperienza che viene messa a disposizione dei customer, i quali devono essere invogliati a tornare nel negozio. Anche con l’aiuto della luce