Le cosiddette ‘bau beach‘ ovvero le spiagge attrezzate per i cani, sono sempre più numerose in Italia, ma ci sono anche spiagge pubbliche che lasciano libero accesso ai nostri amici quadrupedi. E’ bene comunque organizzare al meglio la “giornata in spiaggia”, per evitare spiacevoli inconvenienti, specie se non ci si reca in un lido attrezzato di tutto punto per i cani. E’ bene tenere a mente che, se tutto è ben organizzato, la vacanza e soprattutto la giornata in spiaggia del cane si rivelano un toccasana per lui. Innanzitutto è sempre buona cosa scegliere, laddove esistono, lidi dog friendly dove Fido si sente a suo agio. Se il vostro luogo di vacanza ne è sprovvisto, allora bisogna preparare un piccolo kit per rifocillarlo. A tale proposito è bene portare da casa uno zainetto con tutto il necessario per farlo stare bene, innanzitutto non deve mai mancargli l’acqua fresca nella sua citola. Poi anche uno snack è importante. Sono perfette per la spiaggia le fette di mela private dei semi o una banana matura. Dopo il bagno in mare, poi, rinfrescarlo con delle salviette che rimuovano sale e sabbia. Non dimentichiamoci mai guinzaglio e museruola, quest’ultima è essenziale per venire incontro ad alcune leggi regionali che ne impongono l’uso per i cani in spiaggia; è necessario averla con sè qualora vi venisse richiesto di esporla o servisse. Ovviamente mai dimenticare i sacchettini per raccogliere le feci di Fido, perché non sarebbe proprio educato lasciare sporca la sabbia, con rischio che qualcuno possa mettere il piede in fallo. Alcune spiagge per i cani, sono dotate di aree apposite per i bisognini e cestini di raccolta delle deiezioni.

Infine se il vostro cane non ha mai avuto esperienze in mare, iniziate a farlo abituare all’acqua prendendolo in braccio e avendo cura di fare ciò dove l’acqua è bassa per non traumatizzarlo. Istintivamente sgambetterà per nuotare, voi incoraggiatelo e fatelo sentire a suo agio. A quel punto, ma attenzione sempre dove l’acqua è bassa, provate a lanciargli una palla affinchè la vada a riprendere. Fate questo ‘gioco’ fino a quando il cane ha metabolizzato l’azione, quindi potete lanciargli il gioco dove l’acqua è più alta, in modo che vada a prenderla a nuoto. Riempitelo di complimenti ogni volta che si avventura un po’ più in là e non abbiate fretta, finché sarà costretto a nuotare per raggiungere la palla. State attenti però a non forzarlo a raggiungere punti pericolosi, per non traumatizzare l’animale che potrebbe avere paura di entrare in acqua.

Per conoscere la spiaggia ‘dog friendly’ più vicina a voi, cliccate su questo link:
https://www.zampavacanza.it/spiagge-animali-ammessi

A proposito dell'autore

Roger Dog

Post correlati