Il documentario “La gente di Napoli – Humans of Naples” è su Youtube, gratuitamente per tutti e per sempre

Il documentario “La gente di Napoli – Humans of Naples” è un viaggio di immagini vere e spontanee della città.

Luoghi e persone raccontano Napoli: respiri e ritmi, fascino e manie, la sua musica, la cultura, le incongruenze, le risorse incanalate in progetti per una rinnovata anima. La gente che, di Napoli, vuole la crescita sana.

Vincenzo De Simone, psicologo e fotografo partenopeo, l’ha prodotto; Luciano Ruocco, londinese, e Maurizio di Nassau, napoletano, ne hanno firmato la regia.

Attraverso l’operazione, i tre giovani vogliono restituire l’immagine di Napoli a livello internazionale, e lo fanno con un prodotto pulito e di qualità, lontano da triti cliché.

Tra le voci e i volti del documentario, Enzo Avitabile: «Napoli è energia che vuole contagiarsi delle conoscenze degli altri popoli ma rifiltrandole sempre e comunque attraverso il suo orientamento».

Laura Bouchè, che invece da Napoli è andata via alla volta di Londra. Lei testimonia la notevole capacità di adattamento del napoletano, «la capacità di sentirsi a casa anche se non stiamo a casa».

E ancora, Cristina Donadio, che descrive la sua Napoli come città degli opposti: le tenebre più dense senza cui non si può apprezzare la luce.

Poi c’è Christian Giroso, di Scampia, che parla del laboratorio teatrale Arrevuoto, che entusiasma i ragazzi e le ragazze di quella periferia; per loro, il teatro diventa un’alternativa di Vita. 

Il cast completo è composto da Carlo Alvino, Enzo Avitabile, Laura Bouchè, Sara Caiazzo, Sal Da Vinci, Luigi de Magistris, Cristina Donadio, Marco Ferrigno, Luciano Filangieri, Sara Gentile, Christian Giroso, Emanuela Marchese, I Nati con la Camicia, Gianni Parisi, Teresanna Pugliese, Luigi Reale, Patrizio Rispo, Pasquale Ruocco, Mario Scippa, Veronica Simioli, Ciro Vitiello.      
Le musiche sono di Enzo Avitabile, Andrea Sannino, LePuc, Roberto Ormanni & Il Quartet.

“La gente di Napoli – Humans of Naples” è disponibile sul canale YouTube; per precisa volontà del produttore, è visibile gratuitamente da tutti, e lo sarà per sempre. È un segno tangibile della voglia di reagire con cose belle, soprattutto nel mondo dello spettacolo, ancor più martoriato dalla pandemia rispetto ad altri.

Inoltre, a fine 2020, il documentario ha ricevuto la Targa per la sezione Documentari Sociali alla 74ma edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno; si tratta di uno dei festival del cinema più antichi in Italia, secondo in Italia solo alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. E attualmente è finalista alla 17ma edizione di Accordi e Disaccordi, Festival Internazionale del Cortometraggio.

Vanno menzionati anche il direttore della fotografia, Stefano Virgilio Cipressi, e Giuliano Matteo Carmosino, per la post-produzione audio; il service sociale audio-video è di Fujakkà e i video drone di Virto 360.

Infine, ci piace precisare che il documentario nasce dal progetto fotografico La gente di Napoli, lanciato da Vincenzo De Simone; esso raccoglie oltre 900 ritratti che diverranno campione di studio per l’omonima indagine psicosociale. I volti raccolti diventano occasione per la pubblicazione del libro fotografico al cui interno è riassunta parte della ricerca scientifica.  

Un enorme in bocca al lupo a questi tre giovani che credono nell’impegno su Napoli e per Napoli, e lo fanno con professionalità e competenza!