Terza amichevole internazionale per gli azzurri e terza vittoria autoritaria per la formazione di Sarri. Banco di prova impegnativo in quanto si vola in Germania al cospetto di un Herta più avanti nella condizione visto l’impegno già sostenuto del preliminare di Europa League.
Non parte granché il Napoli che prima rischia su un azzardato disimpegno di Allan che però ringrazia il rientrante Reina, bravo su Ibisevic. Lo stesso attaccante bosniaco di lì a poco trafigge il portiere spagnolo approfittando di un errore clamoroso di Ghoulam in chiusura. Peccato perché i partenopei nel frattempo avevano preso le redini della partita, con i tedeschi quasi mai capaci di superare la propria metà campo. Ma punge poco l’attacco azzurro con un Gabbiadini poco propositivo e soprattutto poco servito. Il pareggio arriva comunque a 5 minuti dalla fine della prima frazione; scambio su calcio d’angolo e Ghoulam che crossa col piede debole sul primo palo dove Hamsik con un colpo di tacco in bello stile sorprende la retroguardia tedesca.
Ripresa con tre cambi subito; Sepe sostituisce Reina, Zielinski prende il posto di un poco brillante Allan, mentre Milik va a posizionarsi al centro dell’attacco in luogo di Gabbiadini. Il Napoli comanda il gioco e trova il vantaggio con uno dei tanti intelligenti tagli di Callejon; splendido anche il lancio illuminante di Mirko Valdifiori per il laterale spagnolo che non perdona. Intanto continua la girandola di cambi; esce Insigne ed entra un Mertens subito in grado di salire in cattedra. È il belga a servire Milik per il primo gol del colosso polacco in maglia azzurra. Rete un pó fortuita ma che denota caparbietà e capacità tecnica. Trova anche il 4-1 il Napoli ancora sull’asse Milik-Mertens con il polacco che restituisce il favore al folletto belga che conclude con un pregevole colpo sotto a rendere vana l’uscita del portiere avversario. Cosa dire? Napoli che sembra già pronto per affrontare una stagione lunga ed estenuante, a conti fatti sembra riuscita l’intenzione della società di rendere più ricca la rosa. Se fosse confermata l’operazione Rog (giocatore davvero forte) servirebbe uno sforzo ulteriore per un centrale ed un esterno di difesa.
La sfida è lanciata…

A proposito dell'autore

Marco Silva

Post correlati