Il progetto HeartHecosystem of arts and theater, sostenuto dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e ideato da Teatri Associati di Napoli e Interno 5, entra nel vivo.

Il progetto, basato sul mutuo soccorso dei teatri alle compagnie senza casa, delle compagnie ai teatri senza spettacoli, delle realtà piccole senza fondi, è riuscito a creare, come annunciato già dal titolo, un ecosistema di contenuti e di spazi culturali vivi. Una commissione composta dai direttori artistici dei teatri coinvolti ha scelto infatti i  progetti artistici da realizzare nell’ambito del progetto. Dodici spettacoli per dieci piccoli teatri, diretti e interpretati da dodici soggetti/compagnie che non hanno beneficiato precedentemente del FUSFondo Unico dello Spettacolo e dei ristori governativi.

Il Pozzo e il Pendolo, Nuovo Teatro Sanità, Teatro Area Nord, Teatro dei Piccoli/I Teatrini, Teatro Elicantropo, Teatro Nest, Teatro Sancarluccio, Teatro Serra, Teatro Tram, Teatro Troisi sono i teatri che ospiteranno le compagnie Altrosguardo, Collettivo Lunazione, Cornelia/Sleeping, Compagnia Dance Factory, Funa/Modalità Aereo, Gli alberi di Canto – The Beggars’ Theatre, Il teatro nel baule, I Pesci, Le streghe del Palco, Muricena Teatro, Primo Aiuto – Libera Imago saranno ora insieme per resistere e guardare al futuro in un progetto concreto che valorizza spazi, saperi, professionalità, talenti che daranno vita a questi spettacoli:

Altro sguardo/Oltraggio al pudore – di e con Antonello Cossia, Collettivo Lunazione/La misura – regia di Eduardo Di Pietro, Cornelia/Sleeping bitch – regia e coreografia Nyko Piscopo, Compagnia dance factory/Una storia di humor – regia Luigi Cesarano, Funa/Modalità aereoFavole senza fili – ideazione e regia Marianna Moccia, Gli Alberi di canto – The beggars theatre/Giorni infelici per re Lear – regia, drammaturgia e musiche Mariano Baduin, Il Teatro nel baule/Anche i cani hanno un’adolescenza difficile – regia Sebastiano Coticelli e Simona Di Maio, I Pesci /Underground – regia Fiorenzo Madonna, Le scimmie/Meridiani – regia Chiarastella Sorrentino, Le streghe del palco/ Gelo – regia e drammaturgia Domenico Ingenito, Muricena teatro/Diventa – Re – drammaturgia e regia Marianita Carfora e Raffaele Parisi, Primo Aiuto – Libera Imago/Boccaccio suite – regia Roberto Ingenito: queste realtà selezionate.

Dal 20 gennaio al 15 febbraio 2021, a Napoli, dieci teatri e dodici compagnie saranno insieme in un progetto di residenza artistica diffusa. Questo progetto, sostenuto dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, sostiene e valorizza i piccoli teatri e le compagnie esclusi da qualsiasi forma di ristoro creando un ecosistema creativo in città.