Per chi visita Londra una tappa imperdibile, non solo per lo shopping ma anche per conoscere un vero e proprio simbolo della città, sono i magazzini Harrods. Altrettanto, andando a Parigi, sarà quasi inevitabile entrare da La Fayette, sinonimo di lusso ed eleganza.

193615723-563ca912-1adf-4c3b-9090-67b960b9b987 - Copia

Fino al 1932, anche Napoli ospitava il più grande negozio italiano, che per anni ha rappresentato un nuovo modo di fare commercio al dettaglio: i Grandi magazzini italiani E. & A. Mele inauguratisi nel 1889 in seguito all’acquisto dei fratelli Mele di una proprietà di 2000 m² su due piani all’angolo tra via San Carlo e via Municipio, nel da poco edificato Palazzo della Borghesia.

193615726-81acca9e-80ef-4995-a06a-01f03064ea5a

Gli articoli messi in vendita furono tantissimi, delle più svariate specie merceologiche ma soprattutto era un punto di riferimento per l’abbigliamento maschile e femminile. Un modo di fare imprenditoria illuminata, che oltre a caratterizzarsi per l’innovazione, si distingueva per un alto valore umano non finalizzato al semplice profitto.

I tanti prodotti, non solo destinati all’alta borghesia, venivano distribuiti anche attraverso la vendita per corrispondenza, sia in Italia che in Europa. Gran parte del successo dei magazzini Mele la si deve a una indovinata campagna pubblicitaria, affidata ai più rinomati illustratori dell’epoca, artisti del calibro di Achille BeltrameMarcello DudovichLeopoldo MetlicovitzGian Emilio Malerba ed altri.

le-affiche-dei-magazzini-mele-a-capodimonte_2801_header

Il catalogo ufficiale, spedito gratuitamente a migliaia di indirizzi in tutta Italia con cadenza annuale, ebbe un tale riscontro da obbligare la società a chiedere al ministero delle poste l’autorizzazione ad aprire e gestire in proprio un ufficio postale all’interno della Galleria Umberto I.

mele_magazzini

Oggi alcune sale del del museo di Capodimonte di Napoli sono state dedicate proprio agli antichi manifesti Mele veri e propri capolavori, espressione del costume e delle mode del periodo.

di Gerry Sarnelli