Il 28 e 29 settembre si svolgerà a Gragnano la “Festa della Pasta”, manifestazione giunta alla diciannovesima edizione. L’evento viene organizzato dal Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP, il prodotto che ha reso la cittadina della provincia di Napoli nota in Italia e in Europa come “la città della pasta”.

Le attività in programma per l’edizione 2019

Il Consorzio che ha organizzato la festa ha inserito nel programma dell’evento una serie di attività volte a valorizzare e a riscoprire la secolare tradizione gragnanese nella produzione della pasta. Per questo, la Festa della Pasta di Gragnano 2019 prevede, tra le altre, la visita alla Valle dei Mulini, “un vero e proprio “museo a cielo aperto”, simbolo delle caratteristiche ambientali che rendono inimitabile la Pasta di Gragnano IGP”, come si legge sul sito ufficiale dell’evento.

Come si può intuire dal nome stesso, nella Valle sorgevano – fin dal XVI° secolo – numerosi mulini che, con il tempo, contribuirono a sviluppare la tradizione locale della produzione della pasta. Durante la Festa sarà possibile far visita al mulino “Porta di Castello di Sopra”, interamente restaurato (e rimesso in funzione) grazie anche al contributo del Consorzio.

Affinché l’evento goda di ulteriore visibilità, venerdì 27 settembre (il giorno prima dell’apertura dell’evento) è in programma a Napoli una presentazione in anteprima della Festa della Pasta: i rappresentanti delle autorità locali e delle istituzioni, assieme ai giornalisti ed agli esperti di settore si riuniranno a Palazzo Petrucci per presentare tutte le attività e le iniziative in programma.

La manifestazione sarà impreziosita dalla presenza di Renzo Arbore: la sera di sabato 28 settembre, il cantautore pugliese sarà presente in Piazza Amendola assieme all’Orchestra Italiana in concerto.

Per quanto riguarda le attività che caratterizzeranno la Festa, va segnalata ‘Pastifici Aperti’: tramite questa iniziativa, i produttori gragnanesi di pasta aprono le porte delle loro attività ai visitatori della festa ed a tutti coloro i quali sono interessati ad apprendere i segreti di uno dei prodotti d’eccellenza della Campania. A farla da padrone sarà ovviamente la pasta: i visitatori potranno degustarla presso gli stand allestiti lungo via Roma, nel centro storico di Gragnano.

Aurora Casillo, il Presidente del Consorzio di Tutela, ha presentato così la 19esima edizione della kermesse gragnanese: “Vorremmo che da questa edizione della Festa della Pasta emerga un segnale importante per ricordare a tutti quale posto unico al mondo sia Gragnano. Scoprire le ricchezze paesaggistiche e culturali del suo territorio permette di apprezzare ancora di più il gusto inimitabile della sua produzione pastaia e il suo valore”.

Il programma completo della Festa della Pasta

Come già riportato, la Festa si aprirà sabato 28 settembre; questo il programma:

  • Ore 17.30: inaugurazione ufficiale della Festa della Pasta nella Valle dei Mulini;
  • Ore 18.00 – 22.00: visite serali alla Valle dei Mulini;
  • Ore 18.00 – 24.00: degustazioni di Pasta di Gragnano IGP;
  • Ore 21.30, Piazza Amendola: Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana in concerto.

Per domenica, 29 settembre, invece, la Festa proseguirà dalle ore 10 alle ore 15 con le visite alla Valle dei Mulini, l’iniziativa “Pastifici Aperti” e altre degustazioni della Pasta di Gragnano.

Per chi non avesse tempo né modo di prendere parte alle Festa ma non voglia rinunciare ai piaceri di uno dei prodotti di punta della tradizione culinaria campana, è possibile comprare confezioni di Pasta di Gragnano su questo sito, potendo scegliere tra una vasta gamma di formati e impasti (semola di grano duro o farine integrali) disponibili su saporideisassi.it. Grazie all’accurata selezione delle farine, la trafila in bronzo e la peculiare tecnica di essicazione – in grado di conferirle caratteristiche organolettiche uniche –  quella di Gragnano resta ancora oggi la pasta artigianale migliore d’Italia.