Il Premio “Extrabio” conferisce il titolo alle città di Napoli, Caserta e Benevento, per l’ottima produzione di oli biologici in Campania. L’evento nasce per iniziativa del Laboratorio Chimico Merceologico presieduto da Raffaele Fabbrocini dell’Azienda speciale della Camera di Commercio di Napoli, Coldiretti Campania, dell’Assessorato Agricoltura della Regione Campania e dell’Asa (Associazione analisti sensoriali).

Queste le categorie premiate: “fruttato leggero” per Alma Mater Bio di Napoli, “fruttato medio” per Monte della torre di Caserta e “fruttato intenso” alla ditta beneventana di Di Fiore.

Quello casertano, dopo una votazione e selezione fra ben 723 partecipanti internazioni. risulta essere il “Migliore al mondo”. Filippo Diasco, dirigente dell’Assessorato regionale all’Agricoltura, dichiara:”Ci sono tremila ettari a coltivazione di olio biologico e 700 operatori coinvolti”.

Una “sfida”, stando alle parole di Alfonso Carbonelli di Coldiretti Campania:”Quest’anno è stata numerosa la partecipazione di nuove aziende, cosa che dimostra il dinamismo della nostra agricoltura e da’ segnale di genuinità dei nostri prodotti”

Importanti riconoscimenti giungono per le imprese campane, che potrebbero incentivare investimenti atti al “produrre” una maggiore fiducia economica nel/del Mezzogiorno.