A Villa Fernandes, dopo la pausa estiva, in programma tre eventi dedicati alla musica e al teatro.

La rassegna letteraria “Lib(e)ri al parco“, curata da Ileana Bonadies e realizzata in collaborazione con la libreria Mondadori Point di Portici, è pronta a ricominciare, dopo la pausa d’agosto, all’interno del parco di Villa Fernandes, l’hub creativo porticese nato all’interno di un bene confiscato alla camorra con il sostegno di Fondazione CON IL SUD e Fondazione Peppino Vismara.

Tra le attività culturali proposte da Villa Fernandes pre la stagione 2020/21, tre gli appuntamenti in programma per questa seconda parte dell’iniziativa che si prefigge di parlare di libri attraverso una formula che si arricchisce anche di musica live, interventi teatralizzati e spazi dedicati alla fotografia.

Si inizia questo pomeriggio  alle 17:30 ospitando il volume“Yes I Know… Pino Daniele. Tra pazzia e blues: storia di un Masaniello newpolitano”(Hoepli) di Carmine Aymone con la prefazione di Maurizio de Giovanni e la postfazione di Peppe Lanzetta.

A 5 anni dalla scomparsa del cantautore e musicista napoletano, il libro – uscito lo scorso febbraio, poco prima del lockdown – raccoglie testimonianze inedite e più di sessanta interviste al jet set italiano e internazionale raccolte dal suo autore in 30 anni di giornalismo “on the road” dedicati alla musica e ai suoi maggiori rappresentanti sia italiani che stranieri. Ad affiancare Carmine Aymone nella narrazione del bluesman scugnizzo, la chitarra e la voce di Larry Del Prete, autore del cd “Pino Daniele unplugged”.

Si prosegue lunedì 28 settembre, sempre alle 17:30, conTra Van Gogh e i peperoni. Commedie e atti unici(Guida Editori) di Eduardo Tartaglia – con prefazione di Giulio Baffi – che in 495 pagine raccoglie la sua produzione di autore-attore-regista e la peculiare capacità di affrontare temi di grande impatto sociale e civile con la leggerezza propria dello scrittore comico.

Viaggio tra storie in cui si susseguono personaggi e situazioni di irresistibile divertimento, ma anche occasione per ripercorrere la lunga carriera dell’artista – esponente del teatro classico di tradizione e di quello di ricerca e sperimentazione, con incursioni felici anche nel mondo del cinema – l’incontro si avvarrà della lettura drammatizzata dell’attrice Veronica Mazza.

Infine, si terrà venerdì 2 ottobre, al consueto orario pomeridiano, il terzo e ultimo evento della rassegna, omaggio al compianto Joe Amoruso, pianista dello storico gruppo di Pino Daniele. Ad essere ospitato in prima assoluta il libro “Il cielo riflesso nell’acqua” (Phasar Edizioni) di Amoruso e Sandra Sandy Re e testimonianza della vera storia accaduta tra i due autori legati da una amicizia di oltre 20 anni.

Colto nel 2017 da un malore che lo porterà all’immobilità e all’afasia, Joe Amoruso dopo qualche tempo esprime all’amica il desiderio di scrivere un libro che racconti il loro vissuto insieme. L’aggravarsi della malattia e la conseguente fine avvenuta a marzo di quest’anno hanno consentito al musicista di partecipare solo alla fase iniziale di lavorazione, ma Sandra Sandy Re ha portato a termine il progetto e il messaggio di saluto in esso contenuto rivolto al suo pubblico, ai suoi amici e ai suoi colleghi.

La presentazione vedrà la partecipazione, insieme alla coautrice, di Valeria Saggese, giornalista, di Antonio Onorato alla chitarra e di Alessandro La Corte al piano.

Ad anticipare l’incontro, l’esposizione di 15 fotografie facenti parte dell’archivio storico dell’artista.

L’ingresso a ciascun evento sarà libero fino ad esaurimento posti e nel rispetto delle vigenti procedure anticontagio.