Sabato 23 Marzo alle 20.00, per l’evento dedicato alle migrazioni antiche e contemporanee, presso il chiostro di San Giovanni, Giacomo Casaula, sarà a Cava de’Tirreni (SA) con lo spettacolo “Il mondo indivisibile.

Giacomo Casaula: attore cantante, regista e autore. Tanti i progetti che caratterizzano una versatilità artistica rara, e sensibile al teatro-canzone. Siamo abituati a vedere il suo nome inserito nella fortunata rassegna artistica di Villa di Donato a Napoli, ma anche nei teatri a proporre spettacoli tutti suoi e non solo. È il caso del prossimo spettacolo “Il mondo indivisibile. Mare clandestino”.

“Il mondo indivisibile”

Ad ogni uomo il suo destino. Quello di Virgilio è stato celebrare la gloria di Roma nei suoi versi. Ma perché proprio lui, il cantore delle piccole cose di un mondo rurale che andava scomparendo? «È nelle piccole cose che si nascondono i grandi uomini» gli risponde, in una mite serata di settembre, Mecenate nel tentativo di convincerlo a intraprendere l’impresa che lo impegnerà fino alla morte. Virgilio non ha scelta, non gli è concesso un rifiuto: è lo stesso Augusto, infatti, a volere che i suoi versi celebrino la gloria di Roma. Ma il poema di Virgilio è anche la storia di un viaggio per mare, di esuli fuggiti da una città distrutta dalla guerra in cerca di ospitalità; quello stesso mare in cui oggi, a distanza di oltre duemila anni, si decide il destino di milioni di migranti. Non sempre, purtroppo, con esiti positivi. Da qui prende l’avvio il legame con il progetto fotografico Mare clandestino di Ico Gasparri. Le immagini di Mare clandestino rappresentano dettagli di gommoni e barconi dei migranti sequestrati e accatastati nei porti di Porto Palo, Pozzallo e Marzamemi in Sicilia, in attesa di demolizione. Le foto dell’aprile 2007 testimoniano la memoria di un viaggio disperato affidato a scarpe, giacche, bottiglie, corde orrendamente fuse sui ponti inclinati dei barconi siciliani, a ricordo della loro drammatica storia di speranza, trasformatasi troppo spesso in una strada senza ritorno che ha conosciuto come ultima tappa il fondo muto del Mediterraneo.

“Mare Clandestino”

Uno spettacolo diverso da tutti i suoi altri, ma comunque facente parte del suo percorso e della professione di attore. Si tratta di uno progetto dal tema attualissimo, e che unisce diversi linguaggi: teatro, danza, fotografia. Arti che raccontato dei migranti. “Antico fa testo” è la Compagnia teatrale con cui portano in giro lo spettacolo, ed è diretta da Francesco Puccio, ideatore del progetto che fa rivivere in chiave contemporanea alcuni testi classici. Il mondo indivisibile parla del primo migrante della storia, Enea, e quindi delle motivazioni che hanno portato Virgilio a scriverne a riguardo. In scena oltre al Casaula, Claudia Lo Casto (anche coreografa della Compagnia), Rosario Volpe e Alessandra Ranucci. Le fotografie sono di Ico Gasparri e le musiche di Ernesto Tortorella.

Fra le novità del Casaula, uno spettacolo di teatro e canzone tutto suo che presenterà in anteprima nazionale il 17 maggio a Napoli.

Lo spettacolo “Monologando”, un recital che spazia dalla prosa teatrale classica come Shakespeare e Pirandello, alla musica d’autore appartenente del passato (Modugno, De Gregori per esempio), fino ad arrivare al genere musicale più in voga attualmente, il cosiddetto Indie pop attraverso gruppi come i Baustelle e i TheGiornalisti.

Lucia Montanaro