Mercoledì 17 settembre, nella sala consiliare del comune di Busto Arsizio (VA), è stato suggellato un bellissimo gemellaggio culturale tra Napoli e la città di Busto. L’occasione è stata la presentazione di un video realizzato dal burattinaio Elis Ferracini e dall’esperto di cultura bustocca e dialetto Antonio Tosi (il Pedèla), storico del dialetto e della città, con la sapiente regia di ex studenti dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni.

Il tutto, sotto l’egida del “Tg in dialetti” (www.tgindialetti.com), il primo notiziario interregionale e internazionale al mondo ideato e realizzato dal giornalista partenopeo Michele Pilla, che racconta, in rigoroso dialetto napoletano, l’Italia in una modalità insolita, attraverso i dialetti del Paese e le minoranze linguistiche.

«Si tratta di un telegiornale che mira a unire, e non a dividere. – afferma Michele Pilla, ideatore del Tg – L’Italia è un Paese splendido, fondato su tante culture diverse, e sono proprio le peculiarità dei singoli territori ad aver dato origine a questa grande Nazione. La mission del nostro Tg è proprio questa: mostrare le singole culture, le identità di ogni territorio e metterle insieme, in una sorta di melting pot linguistico. In tal senso, questa iniziativa che unisce Napoli e Busto Arsizio assume un valore ancor più importante».

Il progetto ha avuto il sostegno e il contributo del Comune di Busto: «L’impostazione è leggera, ma in realtà cela la consapevolezza, termine che io associo spessissimo al concetto di identità. – ha osservato l’assessore a Identità e Cultura, Manuela Maffioli – Identità non significa infatti arretratezza ma consapevolezza. Sapere sempre chi siamo, da dove veniamo, quali sono i valori, i pensieri e le azioni che hanno concorso ad essere quelli che siamo e che abbiamo assorbito nel tempo in un ambiente in cui ci siamo formati è importantissimo. A Busto l’identità è molto sentita».

Link al TG » www.tgindialetti.com

Link al video » https://www.youtube.com/watch?v=-J8vCY-C9GQ