Alla conferenza di fine anno a Villa Madama, Giuseppe Conte ha annunciato chi saranno i successori del dimissionario Lorenzo Fioramonti: il ministero, sdoppiato in ministero dell’Istruzione e ministero dell’Università e della Ricerca, sarà presieduto rispettivamente da Lucia Azzolina, siracusana, con due lauree in Filosofia e Diritto, insegnante presso l’I.I.S “Quintino Sella” di Biella e già Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel Governo Conte II e Gaetano Manfredi, rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II dal 1° novembre 2014. Nato ad Ottaviano (NA) il 4 gennaio 1964, nel 1988 Manfredi si laurea in Ingegneria alla Federico II con 110/110 e lode; presso la stessa Università consegue nel 1993 il Dottorato di Ricerca in Ingegneria delle Strutture; nel 1994 è il primo classificato alla Borsa di Studio Post-dottorato presso la Facoltà di Inegneria e dal 1995 è Ricercatore in Tecnica delle Costruzioni alla Federico II, dove diviene professore Associato in Tecnica delle Costruzioni nel ’98 e Ordinario nel 2000. Dal 1° novembre 2003 al 31 dicembre 2006 è stato direttore del Dipartimento di Analisi e Progettazione Strutturale e del Dipartimento di Ingegneria Strutturale dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2012. Prima di diventare Rettore della Federico II nel 2014 ha ricoperto il ruolo di prorettore dal 18 luglio 2010 al 31 ottobre 2014. Dal 2006 al 2008, durante il secondo governo Prodi, è stato consigliere del ministro per le Riforme e le innovazioni nella Pubblica Amministrazione. Dal 2004 è vicepresidente del Consorzio di Ricerca T.R.E (Tecnologie per il Recupero Edilizio); dal 2015 è presidente della CRUI (Conferenza dei rettori delle università italiane); è stato coordinatore e responsabile di numerosi progetti scientifici finanziati dalla Comunità Europea, dal CNR, dall’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e da aziende e Centri di ricerca Nazionali ed Internazionali; è autore di oltre 400 lavori scientifici pubblicati su riviste o presentati a congressi nazionali ed internazionali; è revisore di numerose riviste scientifiche internazionali e membro di EERI (Earthquake Engineering Research Institute), FIB (Federation Internationalle du Beton), ASCE (American Society of Civil Engineering), ACI (American Concrete Institute), ISO (International Standard Organization) e dell’Editorial Board del Journal of Composites for Costructions dell’ASCE (American Society of Civil Engineering).
Sul suo profilo Facebook il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli, Edoardo Cosenza, scrive: “una felicità immensa, per un grande allievo, un grande ingegnere, un grande scienziato, un grande organizzatore, un grande uomo delle Istituzioni. E soprattutto un grande Amico. Certamente l’Università e la Ricerca italiana riceveranno un impulso fortissimo. Complimenti di cuore, caro Gaetano.”
Così commenta, ancora, il segretario generale Cgil Campania Nicola Ricci: “la nomina del Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e presidente della Crui, Gaetano Manfredi, a Ministro dell’Università e della Ricerca rappresenta quanto di meglio il Paese possa esprimere in competenza, lungimiranza e progettualità. Il Rettore Manfredi rappresenterà una svolta importante nel mondo della conoscenza ed è un giusto riconoscimento, non solo per la figura sempre a servizio della comunità locale e nazionale, ma anche per la nostra prestigiosa Università. Manfredi per il riscatto dell’Italia e del Mezzogiorno in un campo dove in Europa segniamo il passo.”