A Città della Scienza, dal 21 al 24 novembre, l’edizione 2019 di Futuro Remoto

L’edizione 2019 di ‘Futuro Remoto’, che si terrà a Bagnoli presso Città della Scienza dal 21 al 24 novembre, tratterà il tema della V° rivoluzione industriale. Un percorso che porterà l’industria a evolversi ulteriormente dal punto di vista tecnologico, e che farà interagire sempre di più uomini e robot, rendendo la linea che li separa sempre più sottile. Non solo, ma avvicinerà, fino quasi a renderne invisibile il confine, il mondo virtuale da quello reale. La sfida, secondo gli organizzatori dell’evento, sarà far sì che questi cambiamenti avvengano nella piena consapevolezza degli uomini che lo renderanno possibile. Come ogni anno, anche questa edizione della ‘Festa della scienza’ vede un programma molto diversificato, capace di accontentare adulti, ragazzi e bambini, amanti della teoria e della pratica, e che tratterà argomenti che vanno dalla medicina all’ambiente, dall’archeologia ai giochi. Anche in questa edizione ci saranno dimostrazioni pratiche, laboratori e altre attività in cui sarà coinvolto il pubblico, nonché conferenze e dibattiti. Tra gli eventi più interessanti segnaliamo:

  • il 22 novembre dalle ore 18 alle 19 presso la sala Newton “L’universo in una scatola”, un racconto in musica che verrà narrato dal fisico delle particelle, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Antonio Zoccoli;
  • il 23 novembre alle ore 18 presso la sala Newton “DNA: lo spettacolo che fa suonare la scienza”, un progetto musicale di divulgazione scientifica in cui, attraverso brani musicali eseguiti dal vivo, immagini e scenografie, si assisterà ad una atipica conferenza scientifica, che vedrà tra i partecipanti il filosofo Telmo Pievani;
  • il 30 novembre dalle 18 alle 19 (inserito nel programma di Futuro Remoto) presso il Planetario di Città della Scienza, la conferenza spettacolo del premio Nobel 2018 per la fisica, Gerard Albert Mourou.

Il programma completo della manifestazione lo trovate a questo link http://www.cittadellascienza.it/futuroremoto/programma/