francesco2

Ahhh… questo tango… croce e delizia… in quante declinazioni si manifesta!… ma tutte… proprio tutte nascono dall’anima, soggiornano nel cuore, e, in un movimento “circular” si ranicchiano fra le braccia…

Francesco poeta e ballerino, dà voce alle sensazioni che serpeggiano silenziose e sommesse fra i piedini che si muovono, fra le mani che si intrecciano, fra le braccia che si cercano, fra gli sguardi… fuggevoli,mutanti, a volte compiaciuti, altre, invece, persi ed annoiati.

francesco1

“Respiro”
Tre passi, compio l’ultimo balzo,
ho addosso le mie spezie,
i colori cupi, il sorriso tenue,
un paio di jeans, scarpe da tennis.
Entro dalla porta a vetri,
alle pareti vecchi manifesti,
ricordo di un’epoca passata,
di orchestre, di amori traditi,
di spartiti scritti, dolorosamente.
Discosto, il bicchiere è stato.
Rum,
essenza mancante di un sorso,
agito, guardo, attraverso,
la sala è un fluido in movimento,
resto sul ciglio, accolgo
il suono, le voci sinuose, i saluti.
Sento l’aria, saporosa di tiglio,
l’odore è mescolanza.
Il suono delle ultime note,
è silenzio, è attesa,
disperde la sala, asperge la mente,
rende intenso lo sguardo,
il respiro diluito, le mani distese.
Incontro, un paio di occhi nocciola,
avvicino i miei passi ai suoi,
ad un palmo dal viso, i suoi capelli
ricci e i miei, il suo vestito
è la dolce affabilità dei gesti, la pelle
sopra cui scivola la stoffa, presenza
è il suo respiro nel mio,
scambio di informazioni, silenzio
nel tempo del nostro avvolgere
l’un l’altra, respiro identico,
non cercato o voluto, intrapreso.
La mia forma è protezione,
barriera, calice, cornice, ombra.
La musica dipinge,
i nostri passi, il nostro cercarsi.
La nostra lingua, ha accenti e note.
Eppure,
                                       soltanto tu hai voce.
Francesco Quaranta
Su di lui, scritte da una mia amica tempo fa:
Nato a Napoli, da genitori commercianti, un’infanzia serena. No- nostante l’indole, segue un percorso di studi tecnici. Riservato e di poche parole, ma socievole e curioso al contempo, ha collaborato con portali online dedicati alla poesia. Vive in questa terra martoria- ta ma piena di fascino, amore, ironia e speranza che riversa interamente nei suoi scritti.
La voce di un ballerino
🙂
Edwige