San Cipriano Picentino, Castiglione del Genovesi, Giffoni Valle Piana, Giffoni Sei Casali e Acerno sono da ore senza gas metano a causa della rottura di un tubo provocata da una frana caduta sulla Sp 26. A causo dei danni che il maltempo ha provocato alla condotta della Italgas, i cinque paesi dell’area dei monti Picentini, in provincia di Salerno, stanno subendo enormi disagi. Sonia Alfano, sindaca di San Cipriano Picentino, che questa mattina è stata sul posto insieme ai vigili del fuoco e ai tecnici di provincia, Genio Civile e dell’azienda che fornisce il gas metano ha assicuato “Il ripristino è previsto per la giornata di domani mattina”. La frana, che è ancora in corso, ha provocato seri danni anche al manto stradale della Sp26, arteria che collega la frazione di Filetta con il comune di San Cipriano Picentino, rendendo necessaria l’interruzione della viabilità. 

E il maltempo ieri ha fatto registrare anche una vittima: Mohamed Boulhaziz, 62 anni, morto a Napoli schiacciato da un albero di grosse dimensioni che si è abbattuto al suolo. E’ accaduto intorno alle 7 in via Nuova Agnano, alla periferia occidentale della città. L’uomo, commerciante di nazionalità marocchina che da anni viveva a Maddaloni, nel casertano, è stato soccorso dal 118, ma i medici hanno potuto solo constatarne il decesso.

Anche nel casertano si contano i disagi: diversi alberi secolari sono caduti nella Reggia di Caserta, tra il Cupressus Macrocarpa, un albero monumentale custodito all’interno del Giardino Inglese.