Decine di persone ieri mattina nel Borgo Sant’Antonio Abate e nel rione Sanità, si sono recate a fare la spesa nei mercatini, nella totale inosservanza delle disposizioni governative in materia di Coronavirus, che vietano assembramenti. Nonostante in molti avessero la mascherina, non sono state comunque rispettate le distanze di sicurezza.

Il governatore Vincenzo De Luca ha chiesto sacrifici a tutti i cittadini campani, esortandoli a rimanere in casa nonostante il bel tempo. ‘’Ora dobbiamo stringere i denti per evitare di restare a casa anche a giugno e luglio’’ ha detto il presidente, spiegando che il picco si raggiungerà presumibilmente tra la fine di aprile e l’inizio di maggio.

Ieri mattina, però, uno scenario in controtendenza con quanto accade in altre zone della città, come Fuorigrotta e Bagnoli, dove i controlli dei carabinieri svolti attraverso un drone testimoniavano il corretto comportamento dei cittadini. Il fenomeno degli assembramenti sembrava essersi attenuato rispetto ai primi giorni delle misure contro il Coronavirus grazie all’attività delle forze dell’ordine, ma la problematica è esplosa nuovamente.

”Abbiamo troppa gente ancora per strada, speriamo che arrivino i 300 militari in più, ma faccio un appello, ci avviciniamo a Pasqua perché non ci siano assembramenti per attività religiose – ha poi spiegato De Luca. Noi abbiamo avuto inquinamento del Vallo di Diano per due cerimonie religiose, vi prego di avere il massimo rispetto per le ordinanze: Seguiamo gli esempi del Cardinale Sepe e di Papa Francesco”»