Sono sette gli operatori della Centrale Operativa della Metro Linea 1 di Colli Aminei, risultati positivi al Covid 19, lo si apprende da un comunicato dell’azienda: Anm ha sottoposto circa 40 dipendenti a due tamponi di controllo, il primo il 20 gennaio e il secondo oggi (ieri n.d.r). Si tratta dei 15 dipendenti della centrale e di circa 25 dipendenti che per diversi motivi sono stati nella centrale nei giorni scorsi. La necessità è nata dalla rilevazione di positività di un dipendente asintomatico inconsapevole di esserlo. Il sito che ospita la centrale di controllo viene sanificato tre volte al giorno, vengono controllati gli accessi e, all’ingresso, a tutti viene misurata la temperatura. L’Anm ha inviato una comunicazione ai dipendenti della centrale comunicando il contatto con soggetto positivo, evidenziando che secondo la procedura Aziendale, sottoposta e verificata anche da ASL di competenza, è possibile evitare la comunicazione al medico curante, effettuando tamponi rapidi con strutture convenzionate e con immediatezza di esecuzione. 

Con risultato negativo al tampone e osservando la massima cautela nel limitare gli spostamenti esclusivamente tra casa-sede di lavoro, mantenendo ogni precauzione nell’uso della mascherina e, possibilmente, attuando un isolamento dai familiari durante le ore di permanenza a casa, il dipendente potrà continuare a lavorare.
L’Azienda assicura ai dipendenti della centrale che ripeterà da domani e fino al 29 gennaio il tampone tutti i giorni nella sede di Colli Aminei e dal 30 gennaio con frequenza di uno ogni due giorni almeno, con costi a proprio carico. All’esito dei risultati dei tamponi, Anm valuterà le modalità di prosecuzione della circolazione della Linea 1.