E’ stato annunciato per sabato 9 novembre alle ore 12:00 un flash mob per denunciare il degrado in cui versa da diverso tempo Villa Floridiana. Per la sua ristrutturazione, lo scorso febbraio, furono stanziati due milioni di euro a seguito di una riunione presso il Ministero dei Beni Culturali. L’impegno fu preso dall’allora ministro, Alberto Bonisoli, alla presenza del sindaco, Luigi De Magistris. Il luogo di ritrovo saranno i cancelli del polmone verde del Vomero, in via Cimarosa 77.

A promuovere l’iniziativa di sabato è Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del “Comitato Valori Collinari” e fondatore del gruppo “Amici della Floridiana“, in passato consigliere di Circoscrizione. “A distanza di otto mesi da quell’annuncio -spiega Gennaro Capodanno – prendiamo atto che di quei soldi non è arrivato neppure un euro e che la situazione dell’importante polmone di verde pubblico a disposizione degli abitanti della collina è rimasta invariata, dal momento che restano chiuse al pubblico numerose aree, a seguito del paventato pericolo della caduta di alberi, né si ha alcuna notizia di un prossimo arrivo dei fondi promessi per poter iniziare i lavori di messa in sicurezza e restituire l’intera villa alla collettività, oltre che dotarla del personale necessario per la manutenzione“.

Capodanno denuncia atti di vandalismo contro la colonia di gatti che da decenni vive nelle aree verdi e contro le giostre, che furono donate ai bambini vomeresi il 27 aprile 2017 con una manifestazione pubblica a cui parteciparono rappresentanti comunali. Il presidente dell’associazione Valori Collinari era già intervenuto sulla questione durante un servizio del tg2; in quell’occasione aveva acceso i riflettori proprio sullo stato di abbandono in cui versa il parco.

Il 21 ottobre scorso poi, l’attuale capo del Mibact, Dario Franceschini, durante una visita a Napoli si è recato a Castel dell’Ovo, e aveva parlato di rendere fruirne Villa Floridiana anche per eventi governativi. In quell’occasione, seppure non avesse accennato a risorse economiche da impiegare, il ministro aveva dichiarato: “Ragioneremo su come fare in termini di risorse e gestione anche per la Villa Floridiana“. Una richiesta di bonifica del parco e di fruizione dell’annesso Museo Duca di Martina, era già arrivata la scorsa estate da parte di alcuni cittadini, che si erano rivolti ai mass media.

Basta chiacchiere, vogliamo fatti concreti“, è lo slogan del flash mob di sabato, con il quale residenti e associazioni si rivolgono al Ministro e alle massime cariche cittadine, sindaco, prefetto, questore e presidente della giunta regionale, per chiedere un intervento tempestivo e concreto prima che la situazione degeneri definitivamente.

A proposito dell'autore

Post correlati