Ideato da Ruggero Cappuccio e con la direzione artistica di Nadia Baldi, per “Segreti d’Autore” si propone anche quest’anno come osservatorio civile dei rapporti tra il patrimonio culturale italiano e studiosi, scrittori, associazioni, musicisti, attori impegnati per la sensibilizzazione del connubio uomo – territorio. Il Festival ad ingresso gratuito, che si svolgerà dall’1 al 14 agosto tra i borghi cilentani di Sessa Cilento, Serramezzana, Stella Cilento, Laureana Cilento, San Mauro Cilento e Montecorice e sarà aperta gratuitamente al pubblico.

Il Festival Segreti d’Autore sostiene il progetto Una vita fra le tue dita, promosso dallaFondazione Rachelina Ambrosini, impegnata dal 1973 in questioni sociali per combattere la fame nel mondo e garantire alle popolazioni del sud condizioni di vita dignitose.  Un video proiettato durante le serate del Festival mostra come la vita di un neonato prematuro possa essere salvata dalla donazione di un semplice cappellino di lana.

Degustazioni cilentane al Dopofestival, è la sezione che accompagna ogni evento con la degustazione di prodotti locali provenienti da aziende a chilometro zero.

L’ingresso agli spettacoli e ai percorsi naturalistici è gratuito.

Il Festival si arricchisce del consueto appuntamento con le passeggiate naturalistiche, 8, 10, 12, 13 e 14 agosto Le Piante Spontanee nell’Arte Erboristica Mediterranea, percorsi botanici tra i sentieri di Monte Stella, curato dalla professoressa Dionisia De Santis, esperta in Botanica, Erboristeria e Fitoterapia.

Avatar

12 agosto Valle/Sessa Cilento – Cortile Palazzo Coppola

Ore 21,00 Disperato monologo d’amore di Maria Paganoincontro con l’autrice

Ore 21,30 A memoria incontro con Daniele Ciprì

regista sceneggiatore direttore della fotografia

Ore 22,00 Aspettando Medeaspettacolo con Franca Abategiovanni e Antonella Ippolito regia Nadia Baldi

Intervento co-finanziato dal POC CAMPANIA 2014 – 2020

Il cortile di Palazzo Coppola nell’antico borgo di Valle, frazione di Sessa Cilento è la location del dodicesimo appuntamento di Segreti d’Autore.

Apre la serata del 12 agostoDisperato monologo d’amore diMaria Pagano. La poetessa salernitana racconta i suoi versi che hanno per tema le varie sfumature del sentimento più ambito e sofferto di tutti, “un amore disperato, sognato, inventato, irriducibile, insistente, inesistente, romantico, razionale”.

Il Festival ideato da Ruggero Cappuccio e diretto da Nadia Baldi,

prosegue la serata con A memoria incontro con Daniele Ciprì, noto regista, sceneggiatore e direttore della fotografia palermitano cheracconta il suo variegato percorso artistico. Il poliedrico artista ha creato con il collega Franco Maresco il meglio di quello straordinario contenitore post-moderno, metaforico e sperimentale chiamato Blob, celebre programma di Rai 3 creato da Enrico Ghezzi, per poi stravolgere la storia della televisione italiana con Cinico Tv.

A chiudere la serata Aspettando Medea, spettacolo teatrale diretto da Nadia Baldi conFranca Abategiovanni eAntonella Ippolito. Storia di due attrici molto diverse tra loro che, durante le prove di uno spettacolo, finiscono per confondersi e mischiarsi al personaggio di Medea, da sempre emblema della ferocia più spietata. Ma, come spesso accade anche nella vita comune, il confine fra tragedia e comicità è labile e le due protagoniste finiscono per passare dal comico al tragico restituendo allo spettatore uno scenario godibile e leggero.

Associazioni di studiosi ed esperti di natura, difesa del territorio, legalità e geologia, Edoardo Leggieri, Michele Buonomo, Amilcare Troiano, Roberta Beolchi, Dionisia De Santis, completano il quadro del Festival che si articola nei comuni del Cilento storico. Durante l’intero arco della manifestazione sono proposti percorsi naturalistici, passeggiate guidate nella natura: le piante Spontanee nell’arte erboristica Mediterranea, a cura della professoressa Dionisia De Santis. Tra le iniziative collaterali: PATER la residenza teatrale integrata con attori e attrici dall’Africa e dall’Italia a cura di Manovalanza, regia di Adriana Follieri; il laboratorio musicale a cura di Ivo Parlati; il cortometraggio Un giorno di Legalità a cura di Renato Salvetti; la mostra Salernitani con la valigia a cura di Antonio Corbisiero.