Sono stati identificati i due rapinatori di via Chiaia. Si tratta di due cugini di 17 anni, imparentati con un boss del clan Mazzarella, attualmente detenuto al 41 bis. Questa mattina, i poliziotti del commissariato San Ferdinando, li hanno arrestati e accusati di duplice rapina aggravata ed uno solo di tentato omicidio.
I due malviventi hanno infatti effettuano due rapine, una in via Cavallerizza e un’altra, pochi minuti dopo, all’angolo di vico Alabardieri.
Tutto è iniziato alle 2,15 circa di ieri notte. I due criminali, vestiti di nero, hanno minacciato con la pistola un gruppo di ragazzi, intimandoli di consegnare borse e cellulari. Questi si sono rifiutati e uno dei rapinatori ha aggredito una ragazza del gruppo. A quel punto, uno dei due giovani, un musicista di 34 anni, è intervenuto per difendere l’amica e i due hanno iniziato a lottare. La pistola è caduta e l’altro rapinatore lo ha ferito più volte con un coltello, al fianco e al torace. Allora, sono fuggiti e hanno imboccato vico Alabardieri. Qui hanno aggredito una coppia, portando via borsa, soldi e cellulare.
Il 34 enne ferito è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Loreto mare.
Assunta Lutricuso