Seconda giornata dell’Europeo francese, la giornata si apre con la magica prestazione del capitano del Napoli, Hamsik, e si chiude con il secondo successo sempre nei minuti finali della Francia che passa il turno condannando la positiva nazionale albanese del ct De Biasi.

RUSSIA – SLOVACCHIA 1-2: Marek Hamsik! La vittoria della Slovacchia sulla Russia ha un nome e cognome, quello del suo calciatore più rappresentativo, il capitano del Napoli; Marekiaro prima regala con un lancio sensazionale l’assist per il vantaggio di Weiss, poi allo scadere dalla prima frazione sigla il raddoppio con una conclusione di destro da vedere e rivedere mille volte! I russi sono storditi e nella ripresa non riescono ad impensierire l’attenta e rocciosa difesa slovacca; solo al 80′ Glushakov riesce ad insaccare su un invito perfetto di Shatov. Il risultato non cambia fino alla fine, la Slovacchia riscatta il brutto stop subito nell’esordio col Galles e torna in corsa per la qualificazione, i russi devono battere proprio i gallesi nell’ultima giornata e sperare.
Quello di Hamsik rappresenta il primo gol segnato da un calciatore del Napoli in una fase finale degli europei!

ROMANIA – SVIZZERA 1-1: pareggio che favorisce indubbiamente gli svizzeri che avevano vinto già la prima gara con l’Albania, i rumeni sconfitti nella gara d’esordio dai padroni di casa francesi hanno poche speranze. Partenza autoritaria per la Nazionale di Petkovic ma la Romania alla prima occasione trova un calcio di rigore per fallo ingenuo di Lichtsteiner (Stancu trasforma). I ragazzi di Iordanescu trovano coraggio e fiducia e cominciano a giocarsela sfiorando anche il raddoppio. Nella ripresa, dopo poco più di 10 minuti, arriva il pareggio di Mehmedi abile a raccogliere un pallone vagante su azione da angolo e a tirare con uno splendido sinistro. La partita è piacevole ma prosegue senza altri particolari sussulti.

FRANCIA – ALBANIA 2-0: tornano in campo i francesi e trovano la seconda vittoria che permette loro di qualificarsi con anticipo alla fase successiva. Primo tempo mediocre per gli uomini di Didier Deschamps che decide di fare a meno dall’inizio di Pogba e Griezmann, l’Albania controlla con pochi affanni anche se raramente si affaccia nell’area avversaria. La ripresa vede la Francia rischiare tantissimo su un cross del sempre positivo Hysaj che Evra per poco non manda nella propria rete nel tentativo di anticipare il capitano del Pescara Memushaj (palo). Negli ultimi 20 minuti i francesi cambiano marcia e cercano la vittoria con più insistenza (entra anche Griezmann dopo che all’intervallo Pogba aveva preso il posto di un deludente Martial), Giroud colpisce un palo grazie ad un bel colpo di testa. L’ Albania sbanda ma riesce a mantenere, sembra fatta ma al 90′, proprio lui, Griezmann di testa insacca su un cross di Rami. E’ festa per i francesi che addirittura al 96′ assistono al raddoppio dell’uomo più in forma, Dimitri Payet.