Nella giornata del 10 giugno la Regione Campania ha approvato il piano regionale di contrasto agli incendi boschivi, del valore di 51 milioni e 464 mila euro e valido per il triennio 2020 – 2022. Ci troviamo a ridosso della stagione estiva, quella più pericolosa per gli incendi, e il documento, redatto dalla Protezione Civile Regionale, mira a regolamentare e coordinare gli interventi, per assicurare una copertura completa del territorio ed il rispetto delle norme di distanziamento tra gli operatori.

Grazie ai dati forniti dai Carabinieri Forestali, alle verifiche sull’andamento dei primi quattro mesi dell’anno e all’analisi di quelli relativi agli incendi verificatisi negli ultimi dieci anni (2009 – 2019), il piano redatto ha aggiornato la cartografia degli incendi e definito i territori sui quali potenziare la distribuzione dei Direttori delle Operazioni di Spegnimento (DOS) e di tutte le squadre operative, riservando particolare attenzione alla pianificazione degli interventi nei parchi e nelle aree protette della Campania.

Le squadre di intervento contano oltre 1800 uomini e donne: oltre alle squadre regionali (dotate di circa 100 unità, di cui 68 Direttori Operazioni Spegnimento), il piano impegna le comunità montane, le province e la Città metropolitana, con oltre 1000 operatori per l’intervento via terra; Sma Campania, con 200 addetti; le associazioni di volontariato a supporto, con circa 400 volontari e, naturalmente, i vigili del fuoco, con 7 elicotteri, uno per ogni provincia più due per eventuali emergenze.