Due uomini di 67 e 48 anni, originari di Ercolano – provincia di Napoli – sono stati denunciati dalla Guardia di Finanza della Compagnia di Portici. L’accusa: contraffazione di marchi e ricettazione. Impegnati in un servizio di controllo nell’area mercatale di Pugliano – le Fiamme Gialle hanno sorpreso i malfattori intenti a produrre mascherine false recanti scritte e loghi contraffatti – tra gli altri, quelli di Polizia e diverse squadre di calcio. Approfittando della consistente richiesta di dpi causa Coronavirus, i due hanno convertito l’originaria attività legata al confezionamento di costumi da bagno, senza alcuna autorizzazione.

Il bottino del sequestro: più di 500 mascherine, già pronte per essere immesse sul mercato, 3mila marchi grafici, 10mila prodotti in parte lavorati; nonché l’immobile di circa 110 mq e le attrezzature.