La tragedia si è consumata in un cantiere per il rifacimento di un collettore fognario a San Benedetto del Tronto, nelle Marche. L’uomo, 65 anni originario di Eboli, in provincia di Salerno, stava lavorando in una buca quando una parete gli è franta addosso uccidendolo.

Il cantiere, dove ha perso la vita l’operaio salernitano, è stato aperto per la realizzazione del nuovo collettore fognario di Marina di Sotto. La tragedia si è consumata davanti a altri operai, anche loro campani, che nono hanno potuto fare nulla per il loro collega, se non attivare i soccorsi. In pochi minuti sul posto è intervenuta un’ambulanza proveniente dal vicino ospedale, poi un’eliambulanza decollata da Ancona. I medici del 118 non hanno potuto fare altro che costatare il decesso del 65 enne.

Sul posto per i rilievi i Carabinieri e i militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro, i Vigili del Fuoco e la polizia locale per la gestione della viabilità già compromessa per il restringimento della carreggiata occupata in parte dal cantiere. Resta da chiarire se la ditta operava nel rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.