L’energia elettrica rappresenta una risorsa che al giorno d’oggi siamo abituati a dare per scontata. Tv, smartphone, computer, la nostra vita è sempre connessa e va a una velocità spaventosa ma tutte queste connessioni sono rese possibili dall’energia elettrica. Se questa viene improvvisamente a mancare ci sentiamo spaesati e ci rendiamo conto di non poter fare quasi nessuna delle nostre attività quotidiane.

Per questo è importante preservare l’energia elettrica e le altre risorse, utilizzandole in modo virtuoso per cercare di limitare l’impatto economico ed ambientale.

I consigli per ottimizzare i consumi
Mettere in pratica degli accorgimenti per risparmiare energia ed utilizzarla in modo più efficace e virtuoso è facile, basta modificare alcune piccole abitudini quotidiane e alla fine dell’anno vedremo un notevole impatto positivo sia sulla nostra bolletta, che per l’ambiente.

A questo scopo è anche molto utile consultare una delle guide che si trovano oggi su internet per il risparmio dell’energia elettrica, come questa di Acea ad esempio, per leggere alcuni preziosi suggerimenti da seguire per limitare gli sprechi. In questo modo, oltre a contenere la spesa, si può contribuire attivamente al mantenimento di un equilibrio ambientale che è ormai sempre più precario.

Un primo metodo per risparmiare energia elettrica è quello di accendere la luce solamente quando è necessario: di giorno, se fuori c’è il sole, alziamo le tapparelle e godiamoci la luce naturale! Di sera cerchiamo di tenere accesa la luce solo nella stanza in cui siamo e solo se facciamo attività che richiedano visibilità. Godersi un film sul divano, ad esempio, è molto più rilassante e appagante a luce spenta.

Altro accorgimento è quello di affidarsi alla domotica per risparmiare energia con le apparecchiature di casa e programmare accensioni e spegnimenti degli elettrodomestici che non utilizziamo. Inoltre non dimentichiamo che lasciare gli apparecchi in stand-by (ad esempio la Tv con il led rosso acceso) ha un grande impatto sul consumo dell’energia e che sarebbe sempre meglio staccare la spina di ciò che non stiamo usando al momento.

In caso si trascorra la maggior parte della giornata in casa per motivi lavorativi e si debba ricorrere allo smart working, il nostro computer sarà praticamente sempre acceso. Anche in questo caso però ci sono alcuni accorgimenti che possiamo prendere per cercare di risparmiare energia. Uno di questi è evitare di lasciare il pc in stand by nel caso dovessimo allontanarci a lungo dalla postazione: se il computer dovesse restare inutilizzato per periodi prolungati è sempre meglio spegnerlo ed è comunque indicato selezionare il risparmio energetico dalle impostazioni, modalità che può ad esempio mettere in stop i dischi rigidi quando sono inutilizzati o regolare al minimo la luminosità dello schermo.
Cosa ancor più importante, evitare gli screensaver che con i nuovi monitor led non hanno alcun senso se non quella di fare da decorazione e consumare energia, ancor più che nel normale stand-by.