Il Napoli scende in campo sotto ritmo, in maniera confusa, svogliata e senza particolari motivazioni, quelle che invece ha da vendere il disperato Empoli di Andreazzoli che alla fine vince 2-1 in maniera meritata. Apre Farias con tiro improvviso deviato in maniera decisiva da Zielinski; ma è proprio il centrocampista polacco a pareggiare i conti prima della fine della prima frazione con un siluro che sorprende Provedel. Nella ripresa i toscani beffano la squadra di Ancelotti su un colpo di testa di Di Lorenzo su cross da angolo. La reazione degli azzurri produce poco o nulla: una sconfitta quasi “annunciata”.

MERET 6: nella prima frazione tiene a galla i suoi negando il raddoppio a Caputo. Fa lo stesso nel secondo tempo chiudendo la spazio a Farias. L’angolo da cui nasce il 2-1 dei toscani nasce però da un’incertezza del gigante su una conclusione non irresistibile sempre di Caputo.

MALCUIT 5: non convince il francese sovrastato da Pajac sulla fascia di competenza. Anche in fase offensiva lascia a desiderare. VERDI 4,5 nel quarto d’ora del disperato finale. Ma Simone non ne azzecca una che sia una.

KOULIBALY 5: da quanto tempo non vedevamo il senegalese così in difficoltà? In balia degli attaccanti avversari sbaglia anche appoggi in maniera clamorosa. Disattento.

LUPERTO 6: purtroppo gli capita di giocare in una gara dove la squadra proprio non c’è e Koulibaly stecca incredibilmente. La sua prestazione rimane dignitosa; nel finale si lancia in avanti da attaccante aggiunto.

MARIO RUI 6: nei primi 45′ gioca da esterno altissimo, puntuale in sovrapposizione e pronto ad aggredire l’Empoli quando i toscani provano a ripartire. Nella ripresa niente di particolare da annotare se non il fatto della tanta grinta che ci mette.

CALLEJON 6: arriva alla sufficienza grazie alla sua immensa generosità ed al suo senso tattico che gli permettono di compiere interventi provvidenziali in fase difensiva. Soprattutto ad inizio gara sbaglia molto ed in avanti combina ben poco.

ALLAN 5,5: qualche recupero, alcuni contrasti vinti ma anche lui è svagato e sbaglia tanto. Traore fa la parte del leone e sembra da Pallone d’Oro al confronto. Al Castellani anche lui sfigura.

YOUNES 5,5: non per colpa sua ma combina poco nel nulla generale. Prova a dialogare con i compagni ma non è serata ed incide poco. Buona una sua iniziativa ma il suo tiro a giro di destro termina di poco alto. Al suo posto FABIAN RUIZ 5,5 che inizia subito bene tanto da dare la sensazione di poter cambiare le sorti della gara. Poi si lascia sopraffare dal marasma generale e non ci capisce più niente.

ZIELINSKI 6: sfortunato quando devia con le mani il tiro di Farias beffardo Meret. Si riscatta grazie ad una violenta sassata che regala il parziale pareggio napoletano a fine primo tempo. Per un’ora abbondante sembra l’unico a non affondare, l’unico al quale aggrapparsi; e Piotr infatti per poco con un diagonale di sinistro non agguanta il 2-2. Poi inesorabilmente anch’egli si arrende.

OUNAS 4,5: partita disastrosa dell’algerino del quale non ci sono tracce nell’opaca serata empolese. Dovrebbe agire in tandem con Milik ma nei pochi casi in cui si vede è largo a destra ed il suo apporto è pressoché nullo. Esce per MERTENS 6 che entra subito bene in gara, è volitivo, vivace ma predica nel deserto e non può incidere come vorrebbe.

MILIK 4,5: anche Arek la vede raramente ma quando può giocare il pallone fa puntualmente la scelta sbagliata. Simula goffamente e viene ammonito in maniera sacrosanta. Pessimo.

ANCELOTTI 5: ha il difficile compito in questo finale di campionato di far sì che si evitino brutte figure ampiamente prevedibili come queste. Al Castellani non è riuscito nell’ “impresa”.