Sono cominciati il 25 maggio i lavori per l’allestimento dei set sui quali prenderà vita il lungometraggio che omaggerà il 140esimo anniversario del passaggio di Richard Wagner a Ravello.  

Giornata di intenso lavoro per le maestranze che, guidate dal direttore artistico Alessio Vlad e dal regista Gino Aveta, hanno messo a punto tutti i dettagli per le riprese che caratterizzeranno appunto tutta la giornata di oggi. Eleonora Abbagnato, e il coreografo Simone Valastro, nel primo pomeriggio, hanno individuato i punti di Villa Rufolo più adatti alla coreografia originale costruita sulla musica del Preludio del Parsifal; il soprano Carmen Giannattanasio, chiamata a sostituire Sonya Yoncheva, e
il pianista Maurizio Agostini hanno raggiunto Ravello già dalle prime ore del mattino per calarsi nell’atmosfera del giardino di Klingsor. Nel tardo pomeriggio l’arrivo di Alessandro Preziosi, ha dato il via alla
prova generale.

La Fondazione Ravello in stretta sinergia con la Regione Campania e il Comune di Ravello, ricorda il 140esimo anniversario del passaggio di Richard Wagner a Ravello, evento che più di ogni altro ha segnato il destino della perla della Costiera Amalfitana, diventata poi, Città della Musica e sede del Ravello Festival, nato 68 anni fa proprio come omaggio al genio di Lipsia.

L’evento, ideato dal Maestro Alessio Vlad, si svolgerà in una Villa Rufolo vuota, senza pubblico così come imposto dall’emergenza Covid-19 che ha così pesantemente segnato e continua a segnare, la nostra quotidianità.

Nell’evento, che diventerà un lungometraggio, sono coinvolte Eleonora Abbagnato e Carmen Giannattanasio, a rappresentare ognuna simbolicamente un aspetto dell’amore tra Parsifal, il “puro folle” e Kundry. Ad Alessandro Preziosi l’onere e l’onore di raccontare quell’amore e la visita di Wagner a Ravello.

Centoquarant’anni fa, il 26 maggio 1880, Richard Wagner, accompagnato dalla moglie Cosima e da un piccolo seguito, dopo aver affrontato a dorso di mulo l’impervia salita, da Amalfi arrivava a Ravello. Più che l’incanto panoramico lo richiamavano i resti delle architetture arabo-normanne e la bellezza dei giardini che sapeva sarebbero potuti essere fonte di ispirazione per la messa in scena dell’opera che stava portando a termine: il Parsifal.

Wagner sapeva che quell’ultima opera che stava componendo avrebbe rappresentato il suo testamento spirituale. – spiega Alessio Vlad, autore anche del testo – Parsifal dominava i suoi pensieri da oltre un quarto di secolo, fin dalla gestazione del Lohengrin, e voleva che i significati di cui la vicenda era intrisa assurgessero a significati universali in virtù di un contrasto, ovvero nel nome di un percorso iniziatico e conoscitivo che doveva comprendere tutto il mondo occidentale considerato nel rapporto di ciò che rappresentava il suo opposto. A Ravello – continua – trovò da un lato quell’abbandono che andava cercando per dare vita definitiva a quel secondo atto dell’opera dove Kundry metteva in pratica tutti quei sensuali adescamenti per portare a sé il “puro folle”, abbandono che solo l’atmosfera forte di colori e di profumi del Sud gli poteva dare, dall’altro, addentrandosi nei giardini di Villa Rufolo, ebbe la visione pittorica che cercava per definire la scenografia del giardino incantato in cui faceva svolgere l’azione.

La città e la Fondazione Ravello vogliono ricordare quell’avvenimento nel nome di una tradizione che da allora in un percorso mai interrotto ha fatto si che Ravello diventasse il luogo ideale dove il mondo del nord, in nome di radici comuni, incontra il sud”.

Eleonora Abbagnato, étoile dell’Opera di Parigi e direttrice del corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, danzerà nei giardini di Villa Rufolo indossando un abito Dior su una inedita coreografia di Simone Valastro. L’assolo, creato appositamente sulla musica del Preludio del Parsifal, vuole rappresentare quell’abbandono estetico che fu alla base del concepimento dell’opera e che Wagner trovò a Ravello.