L’ esigenza di togliersi la maschera prima di cambiar vita è dolcemente raccontato in ” El Romanzero de Lazarillo , primo spettacolo dell’ Hara Fest , realizzato grazie al Forum Universale delle Culture di Napoli e Campania in collaborazione con l’ Associazione Teatrale Aisthesis e la Fondazione Ordine degli Ingegneri di Napoli.

3

Luca Gatta, unico attore sul palco , ha saputo destreggiarsi tra i vari personaggi interpretati con notevole bravura sottolineando la molteplicità che risiede in ognuno di noi.

1

Lazarillo si trova diviso tra due epoche. Si sente ancora l’ eco del Medio Evo attraverso figure come mendicanti e venditori di indulgenze ma il suo racconto vuole spingersi oltre, verso il futuro. Le maschere si alternano fino quasi a fondersi , perdendosi nella scenografia spoglia in netto contrasto con le molteplici stratificazioni senza tempo della Basilica di San Giovanni Maggiore.

2

Il secondo appuntamento dell’ Hara Fest ” L’ Incredibile Storia del Re Bedahulu ” verrà messo in scena sempre gratuitamente sabato 18 ottobre alle ore 20:30 presso la Basilica di San Giovanni Maggiore.

Per maggiori informazioni inviare una e-mail a associazioneteatraleaisthesis@gmail.com oppure telefonare al numero 3396235295 citando Napoliflash24