Paolo Sorrentino tornerà a girare un film per Netflix a Napoli dal titolo È stata la mano di Dio dopo vent’anni dal suo esordio con L’uomo in più (2001).

Il noto regista, vincitore del Premio Oscar con La grande bellezza (2013), ha compiuto da poco 50 anni e ha realizzato il suo desiderio di girare un film nella sua città natale dove ha vissuto durante l’adolescenza per poi trasferirsi a Roma.

Del nuovo film si sa ancora poco, ma è ufficiale che le riprese cominceranno a breve e Sorrentino sarà sceneggiatore, regista e, inoltre, coproduttore della pellicola insieme a Lorenzo Mieli per The Apartment, del gruppo Fremantle.

“Sono emozionato all’idea di tornare a girare a Napoli, vent’anni esatti dopo il mio primo film. È stata la mano di Dio è, per la prima volta nella mia carriera, un film intimo e personale – dice Sorrentino – un romanzo di formazione allegro e doloroso. Sono felice di condividere questa avventura col produttore Lorenzo Mieli, la sua The Apartment e Netflix. La sintonia con Teresa Moneo, David Kosse e Scott Stuber sul significato di questo film è stata immediata e folgorante. Mi hanno fatto sentire a casa, una condizione ideale, perché questo film, per me, significa esattamente questo: tornare a casa”.

Vincitore di quattro European Film Awards, un Premio BAFTA, cinque David di donatello, otto Nastri D’argento, Paolo Sorrentino ha, inoltre, diretto Le conseguenze dell’amore (2004), L’amico di famiglia (2006), Il divo (2008), This must be the place (2011) Youth la giovinezza (2015), Loro (2018) e le fortunatissime serie The young Pope (2016)e The new Pope (2020).