”Da oggi il Paradiso ha il più dolce degli angeli … ciao guerriera mia, hai lottato fino alla fine dandoci un grande esempio”. Poche, toccanti, parole affidate a facebook con cui questo pomeriggio Michele Bisceglia ha comunicato al mondo che la sua piccola Diana non c’è più. Napoliflash24 ha raccontato la storia di questa bambina napoletana di 6 anni secondogenita di Rossella e Michele, due genitori straordinari che hanno mobilitato tutta Italia per cercare un midollo che fosse giudicato ‘compatibile’ con la loro figlia. Abbiamo seguito attraverso video, interviste e articoli, la storia di questa famiglia e divulgato la loro voce, nel tentativo di salvare Diana da quella terribile diagnosi: aplasia midollare di grado severo, con la quale da circa un anno la bambina lottava.
Il 6 luglio scorso a Napoli i genitori, supportati dall’Admo, l’Associazione donatori di midollo osseo, avevano invitato tutti a partecipare alla tipizzazione organizzata con un gazebo in Piazzale Tecchio, nei pressi della Facoltà di Ingegneria. All’iniziativa avevano aderito anche i ragazzi dello staff delle Universiadi, giunti dal vicino quartier generale situato nella Mostra d’Oltremare e centinaia di altri cittadini, ma purtroppo nessuno è risultato donatore idoneo. “Anche Diana ama lo sport, è una piccola amazzone, la mascotte della scuderia di Agnano dove correva e dove, spero momentaneamente, ha dovuto lasciare i suoi cavalli – aveva spiegato papà Michele, accennando un sorriso di speranza e con gli occhi illuminati dal desiderio di rivedere la sua bimba a cavallo -“. Nell’autunno scorso la piccola è stata ricoverata prima a Napoli, poi a Roma, per tentare di sconfiggere quella terribile aplasia midollare di grado severo, che l’aveva colpita. La malattia è comparsa con lividi evidenti alle gambe, accompagnati da macchie.
Oggi la speranza lascia il posto al dolore e all’impotenza di fronte a un destino beffardo. Una donatrice compatibile con la bambina, infatti, era stata individuata ma all’ultimo minuto aveva rinunciato all’espianto. Tutta la redazione di Napoliflash24 commossa partecipa al dolore di mamma Rossella e papà Michele.