Un’imponente operazione antidroga è stata effettuata dalla Guardia di Finanza di Napoli, che ha sequestrato nel Porto di Salerno 14 tonnellate di amfetamine, 84 milioni di pasticche col logo “captagon”, prodotte in Siria dall’Isis per finanziare il terrorismo.

Lo stupefacente, il cui valore è stato stimato in oltre 1 miliardo di euro, si trovava nascosto all’interno di tre container dentro cilindri di carta per uso industriale e macchinari costruiti ad hoc per impedire agli scanner delle forze dell’ordine di individuare il contenuto. 

L’operazione è scattata nell’ambito di una complessa attività d’indagine delegata al Gico nei confronti di un’organizzazione con proiezioni internazionali dedita all’importazione di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. Da sempre l’Isis finanzia le proprie attività terroristiche anche e soprattutto con il traffico di droghe sintetiche, prodotte in gran parte in Siria, diventata per questo motivo negli ultimi anni il primo produttore mondiale di amfetamine.

Sempre nel porto di Salerno, due settimane fa gli agenti del Gico di Napoli avevano intercettato un container con un carico contenente 2.800 kg di hashish e 190 kg di amfetamine con lo stesso identico simbolo (captagon). S