L’ultima Ordinanza diramata lo scorso 16 agosto dal Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha disposto la chiusura delle discoteche sta creando non pochi malumori. ”Parliamo di oltre 3500 locali e la perdita di un fatturato di circa 4 miliardi di euro” ha dichiarato Eduardo Maria Piccirilli, candidato della lista PiùCampania in Europa, promossa da Più Europa, in appoggio al governatore uscente alle prossime regionali di settembre.

Si dirà, la priorità è la salute. D’accordo. Ma questo provvedimento è solo la conseguenza di un attacco di panico del Governo che, anziché affrontare la questione con lucidità, è uscito con questa ordinanza illogica e infondata’‘ spiega poi il candidato. La sospensione delle attività del ballo, all’aperto e al chiuso, che abbiano luogo in discoteche e in ogni altro spazio aperto al pubblico, senza più possibilità di deroghe per le regioni se non in senso restrittivo, rimarranno in vigore fino al 7 settembre prossimo. 

Di quei 350 contagi medi in più che si sono verificati negli ultimi giorni, nessuno è finito in terapia intensiva. Era ed è una situazione sotto controllo, priva di qualsiasi indice che dovesse indurre allarmismo”. Piccirilli aggiunge poi che con questo atteggiamento si ”colpiscono gli addetti del settore e I NOSTRI RAGAZZI, già provati dalla chiusura delle scuole e delle università”.

In Campania è vero che nelle ultime settimane si è registrato un aumento dei contagi e dei ricoveri, ma la decisione di chiudere le sale da ballo penalizza giovani e addetti ai lavori in modo indiscriminato, soprattutto nel pieno della stagione estiva. ”In realtà – conclude Piccirilli -, questi contagi vengono dall’estero, soprattutto dalle frontiere del Nord e da turisti irresponsabili. Il covid sta ipotecando il futuro dei nostri ragazzi”.