Sono 242 i dipendenti di Anm, l’Azienda napoletana mobilità, che domani e lunedì saranno impegnati nei seggi elettorali, rinunciando così al servizio. Oltre il 90% delle richieste pervenute sono per il ruolo di rappresentanti di seggio.

Anm nel rispetto delle scelte dei propri dipendenti, in queste ore “sta cercando di organizzare al meglio possibile il servizio di trasporto per i due giorni delle elezioni, pur con la consapevolezza che ci potrebbero essere delle ripercussioni sul servizio“, si legge in una nota diramata dall’azienda la quale ricorda che per legge “non è consentito opporsi alla libera scelta dei dipendenti dell’impegno in occasione del voto“.

Intanto a Napoli città 80 presidenti di seggio hanno fatto pervenire rinuncia all’incarico, in vista del voto di domani e lunedì, circa il 10% degli 885 nominati dalla Corte d’Appello. Un dato, spiegano dal Comune, da ritenersi in linea con le precedenti consultazioni e comunque in controtendenza se rapportato ai dati provenienti da altre città italiane dove, forse per il timore di contagio da Covid 19, il numero dei rinunciatari è di gran lunga più alto.
   

A proposito dell'autore

Post correlati