Quest’anno il Natale accontentiamoci di trascorrerlo con i membri della nostra famiglia, non possiamo rilassarci“, questo è l’invito del direttore dell’azienda ospedaliera dei Colli, Maurizio Di Mauro, che rivolge ai cittadini campani. “La situazione al Cotugno è quella dei giorni scorsi. Non abbiamo la grande affluenza al pronto soccorso con mezzi propri, persone che venivano spaventate anche solo per un colpo di tosse. – spiega Di Mauro – Siamo pieni, i nostri posti letto sono occupati ma con un turn over: dimettiamo chi è in condizione e ricoveriamo chi ha bisogno. Per la terapia intensiva siamo pieni ma con l’ottimismo di vedere tanti pazienti andare in ricovero ordinario“.

Su un allentamento delle restrizioni della Zona rossa, il dirigente chiede di aspettare ancora: “è troppo presto per fare un bilancio della zona rossa che io non vedo come un lockdown. C’è gente ancora in strada, molti senza mascherina, assembramenti fuori ai bar per l’asporto. Nonostante questo un risultato positivo lo avremo“.

E sulle scuole:chiuderle è stata una scelta vincente perché notammo un aumento del contagio con la riapertura. È giusto che la scuola riapra ma mi auguro che in questo contesto possa andare avanti serenamente e  in sicurezza“.

Di Mauro infine, ribadisce quali sono le cose da fare per la prevenzione: “ho ripetuto più volte: rispettare se stessi e gli altri con la mascherina, come il lavaggio e il distanziamento. Sono gli antidoti per ridurre il contagio e fare un Natale più sereno“.