È la domenica del derby campano in Serie A ed è la partita che vede affrontare i due fratelli Insigne: c’è Benevento-Napoli al “Ciro Vigorito“, peccato soltanto non possa esserci una degna cornice di pubblico. Ma è anche l’incontro che vede di fronte due amici, due ex compagni di squadra nell’ultimo grande Milan, Gennaro Gattuso e Pippo Inzaghi.

C’è soltanto un precedente nella massima serie, quello del 4 febbraio 2018, la stagione dello scudetto scippato al Napoli per intenderci; la macchina infernale di Sarri si impose con il più classico dei risultati (2-0) grazie alla perla di Mertens e al raddoppio di Hamsik. Era il Benevento fanalino di coda che ormai non riusciva a recuperare i disastri fatti nelle prime giornate, il passo tra le grandi era stato particolarmente traumatico.

Sicuramente questa attuale è tutta un’altra squadra, ha una differente consapevolezza, ha già messo in cascina 6 punti e si candida a ruolo di sorpresa del campionato. Inzaghi sa che contro il Napoli ci sono poche possibilità ma intende giocarsi le sue carte senza timori: in difesa davanti a Montipò ci sarà il napoletano Letizia a sinistra, Glik e Caldirola centrali mentre a destra troverà posto il grande ex dell’incontro, quel Christian Maggio per tanti anni elemento cardine dello scacchiere partenopeo, autore di prestazioni e gol memorabili, più volte capitano in assenza di Hamsik. Il vertice basso del centrocampo delle streghe sarà rappresentato dal mugnanese Schiattarella, supportato da Ionita e Dabo; in attacco dietro a Caprari e Lapadula è in vantaggio Roberto Insigne su Iago Falque.

Il Napoli è intenzionato a voltare pagina dopo l’inatteso scivolone interno di Europa League occorso giovedì contro l’ Az Alkmaar, una sconfitta arrivata quattro giorni dopo la splendida prestazione al cospetto dell’Atalanta e che deve fungere assolutamente da lezione salutare e soprattutto immediatamente rimediabile. Gattuso ha già fatto capire più volte che non ci saranno stravolgimenti di formazione quest’anno e che i turn-over saranno gestiti con oculatezza. In porta stanno giocando in maniera alternata e contro gli orobici ci sarà l’esperto Ospina con davanti Di Lorenzo a destra, Manolas e Koulibaly centrali e Mario Rui a sinistra; dovrebbe essere confermata la coppia di centrocampo composta da Bakayoko e dallo spagnolo Fabian Ruiz mentre in attacco nessun dubbio sulla presenza di Lozano ed Osimhen, con gli altri due posti per i quali Gattuso potrebbe inventarsi qualche soluzione a sorpresa. Intanto, quello che appare più probabile, è la presenza di Mertens alle spalle del nigeriano ed ancora Politano (tra i più in forma) ad agire sulla destra; per Lorenzo Insigne ci sarebbe così la possibilità di entrare a gara in corso per graduare il minutaggio costantemente in vista magari della delicata sfida di San Sebastian in Europa.

Il Napoli per continuare l’immacolato cammino in campionato e puntare alla vetta, il Benevento per un risultato che darebbe prestigio e cementificherebbe la convinzione e l’autostima; insomma è un derby da non perdere. Fischio d’inizio alle 15, arbitra Doveri di Roma con Valeri al VAR.

A proposito dell'autore

Post correlati