Il veto del Ministero per i beni culturali al trasferimento per tre mesi delle “Sette opere di misericordia” di Caravaggio dalla Cappella del Pio Monte al Museo di Capodimonte è stato definito incomprensibile dal sindaco Luigi de Magistris: “…Davvero non solo una straordinaria occasione persa ma anche un incomprensibile intreccio di veti incrociati. Napoli, ormai per tutto l’anno, rappresenta un palcoscenico naturale ma soprattutto culturale di levatura mondiale e negare il godimento di un’opera meravigliosa come quella del Caravaggio ad una mostra-evento che attirerà migliaia e migliaia di napoletani e turisti è davvero una assurda decisione cervellotica del solito partito del NO, un nonsipuotismo insopportabile.” Queste le parole di de Magistris in una nota emessa ieri da Palazzo San Giacomo.